Home » CANNABIS CULTURA » Corso di taleaggio per cannabis terapeutica

Corso di taleaggio per cannabis terapeutica

Introduzione
Il taleaggio è un metodo di propagazione frequente, poichè offre notevoli vantaggi:
1) le talee radicano talvolta con grande facilità poiché necessitano di pochi accorgimenti per la buona riuscita dell’operazione;
2) da una singola pianta, si possono ottenere innumerevoli talee;
3) in genere le piante ottenute per talea sono identiche alla pianta madre;
4) buona libertà di scelta del substrato in cui riporre la talea. Potrai scegliere tra la lana roccia, terriccio con perlite o semplicemente dell’acqua.

Quando taleare
Il periodo migliore per cimentarsi con le talee non è in fioritura, ma durante il periodo di vegetativa. La pianta dovrà essere ben cresciuta (dovrà avere almeno 8°,9° internodi) per poter effettuare l’operazione. Prelevare talee in fase di fioritura diminuerà la tua percentuale di successo, in quanto la talea prelevata sarà soggetta a maggiore stress (la piantà passerà nuovamente in vegetativa).

Strumenti necessari
Per poter taleare, dovrai necessariamente disporre dei seguenti strumenti:
1) Bisturi asettico;
2) Acqua ossigenata che dovrà essere diluita in acqua (10 % acqua ossigenata e 90% semplice acqua);
3) Clonex o miele (soluzione bio);
4) Lana roccia, terra o acqua ecc.

Cosa fare
Le operazioni sono le seguenti:
1) Riempire un recipiente d’acqua diluendoci dell’acqua ossigenata (10 % acqua ossigenata e il 90% di acqua) e preparare prima del taglio della talea tutta la strumentazione necessaria per effettuare ogni operazione;
2) Prelevare il cut dal 3° al 4° internodo della pianta (considerando l’opportunità di prelevarla da una pianta di medie dimensioni). E’ preferibile prelevare talee dal 3° al 4° internodo perchè le parti inferiori non cresceranno con la stessa forza e vigore rispetto ai rami vicini all’apice vegetativo (il centro nervoso della pianta);

bogglecut

 

 

 

 

 

 

3) Immergere immediatamente la talea prelevata nel repiciente d’acqua ed acqua ossigenata (10 % di acqua ossigenata e il 90% di semplice acqua). Appena tagliate, le talee vanno immerse in H2O per evitare che l’aria entri dal gambo tagliato;

imm

 

 

 

 

 

 

 

4) Intingere bene il taglio nel clonex o nel miele (il miele ha la stessa efficacia degli ormoni ed è anche una soluzione bio);

clonex

 

 

 

 

 

 

5) Infilare l’internodo nel substrato scelto;

inserire

 

 

 

 

 

 

 

6) Posizionare le talee in un luogo in cui la temperatura sia di 21 gradi e l’umidità sia del 70%

fine

 

Articolo a cura dello Staff di Over Grow

Le foto sono state scelte da archivi pubblici disponibili sul web.

canapa cannabinoidi cannabis CANNABIS MEDICA legalizzazione legislazione marijuana miele produzione talea taleaggio talee THC
Articolo Precedente Come curo la Fibromialgia con la Cannabis: Parte 2
Articolo Successivo Critical: una delle genetiche di cannabis più popolari
SSL Certificate