Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: Usa, vietata la commedia sulla marijuana

  1. #1
    Old Sage Member L'avatar di Mkb
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    8,926
    Potere Reputazione
    10

    Predefinito Usa, vietata la commedia sulla marijuana

    Usa, vietata la commedia sulla marijuana
    Esce nei cinema americani «Pineapple Express» "Elogio" della droga e sberleffi ai poliziotti

    LOS ANGELES — Definita a priori «la commedia alla dinamite dell’estate », esce sugli schermi Usa (presto anche in Italia) Pineapple Expressil film più atteso dagli spettatori tra i 18 e 25 e dai minorenni, che potranno vederlo solo se accompagnati - a causa del visto Restricted - «per sequenze di droga e violenza, dileggio delle istituzioni e dialoghi scostumati».

    Anche uno dei due trailers, già diventati di culto sui blog, è stato censurato da molti siti e dalle reti televisive per una feroce satira della polizia ritratta come ottusa o corrotta, per l’elogio «della cultura delle canne» e perché si vedevano i due protagonisti vendere marijuana ai ragazzini di una scuola, con una esilarante lezione di controcultura sulle qualità dell’erba.

    Il titolo del film fa riferimento a un raro e immaginario tipo di marijuana. «Odorala, senti che profumo: sembra la vagina di Dio», dice lo spacciatore (James Franco) al suo cliente cui dà immature insicurezze la star dei giovani, Seth Rogen (Molto incinta e Superbad). È ormai uno slogan la battuta detta dallo spacciatore all’amico, quando gli offre una canna a forma di croce e con due piedi per fumate collettive: «È unica, è stata disegnata dallo stesso architetto del Golden Bridge».

    James Franco e Ahna O'Reilly all'anteprima di Los Angeles (Reuters)
    James Franco e Ahna O'Reilly all'anteprima di Los Angeles (Reuters)
    L’intera polizia è messa alla berlina sin dal prologo in costume e in color seppia e che nel 1937 fa vedere un capo della polizia simile a un nazista scendere in un segreto sotterraneo per inchiodare con leggi proibizioniste un giovane «colpevole» di aver fumato sigarette illegali: la metafora suona chiara a tutti. Il malcapitato Seth Rogen, poi, mentre si fuma tranquillamente una canna Pineapple, vede una poliziotta (Rosie Perez), che ha un amante gangster, ammazzare un asiatico rivale nel mercato della droga coltivata in una maxi serra sotterranea.

    Il New York Times e il Los Angeles Times hanno avvertito: «Ridete, ridete pure, ma film come Tropic Thunder e Pineapple Express, con una crudezza espressiva oltre ogni limite, usano la violenza come un’arma di satira sociale e politica. Rompono ogni schema con trasgressioni che segnano e mirano a mutare il costume. Borat ha aperto loro le porte». Ci si è messo pure un professore dell’Università di Yale, Ron Gregg: «I film seri sulla guerra hanno fallito, quelli comici o d’animazione, come l’ambientalista Wall-E e i suoi 200 milioni d’incasso Usa, fanno pensare e ridere della non sanità della società attuale».

    Non sono state effettuate anteprime del film sino a lunedì sera, tranne una riservata ai giornali e critici che fanno più tendenza. La rivista Rolling Stone ha assegnato, «per la sua intelligenza che sfida ogni luogo comune e ipocrisia benpensante», subito tre stellette e mezza al film di David Gordon Green (classe 1978), prodotto da Judd Apatow, il produttore e regista che per le nuove generazioni ha battuto ai punti Tarantino, che ormai stenta a trovare soldi per i suoi film.

    Apatow produce e dirige a pieno ritmo, non sbaglia un colpo e, dopo 40 anni vergine, Molto incinta e Superbad, con Forgetting Sarah Marshall, da lui prodotto, ha rotto anche il tabù del nudo frontale maschile. Gli attori dei suoi film sono sempre eccellenti. Lo spacciatore James Franco è definito all’unanimità «il nuovo James Dean », si vedrà in Milk di Gus Van Sant dove è l’amante del politico gay (Sean Penn) ucciso a San Francisco. Seth Rogen è anche coautore della sceneggiatura di Pineapple Express ed è davvero la star dei giovani.

    I bad boys del clan di Apatow non sono levigati e ben vestiti, sono bruttini e vulnerabili al di là della loro «scostumatezza», ma in essi si identificano le nuove generazioni e Apatow ha messo in ginocchio anche il veterano Spielberg. Come regista, Steven ha firmato l’annacquato ritorno di Indiana Jones, ma come produttore, per non restare in retromarcia, ha varato con la Dreamworks Tropic Thunder definito dai conservatori, al pari di Pineapple Express, «un esempio di cinema estremo, al di là di ogni limite».

    Giovanna Grassi

  2. #2

    Predefinito

    Ho appena visto il trailer, sembra fatto bene. Aspetto il DVD(rip)

  3. #3

  4. #4

    Predefinito

    Caxxo è bellissimo!
    Solo che come al solito se verrà tradotto in italiano verrà censurato,come sempre, il contenuto reale delle discussioni.
    E' bene sapere che già nelle traduzioni dei Simpson, SouthPark e sopratutto dei Griffin ma credo anche che ciò valga per i film, avvengono censure enormi o vengono cambiati i significati delle parole aumentando o diminuendo il messaggio che vogliono trasmettere o non trasmettere.
    E' un po come il terrore creato nei cittadini dai media per i furti nelle case o gli omicidi che sono molto minori come numero rispetto a 20 anni fa quando nessuno ne aveva paura ma adesso per tutti la situazione è di gran lunga peggiore che in passato.
    Oppure come guardare il tg di italia(dimerda)1 col suo nuovo infame direttore leccaculo mulè che parla di overdose e fa vedere uno che rolla. Qual'è il messaggio subliminale? una canna = un pera!
    Dovremmo prendere spunto da quell'altro infame di dipietro ed organizzare un referendum per abrogare l'obrobio della legge fini.
    ciao
    OVERGROW COLTIVA PASSIONE
    OcchiRossi

    LSD, White Lemon, G13Widow, Cannalope, Critkal Kush, Sweet Chese, Chese, BlueChese, ASH, AfganHaze, Serious6, Chronic, OrangeBud, 2000swissSkunk, lemon Thay Kush.

  5. #5

    Predefinito

    Solo che come al solito se verrà tradotto in italiano verrà censurato,come sempre, il contenuto reale delle discussioni.
    Da un po' di anni guardo i films in lingua originale, se non sono inglesi li guardo con i sottotitoli. Una volta che ci si abitua così, guardarli doppiati fa venire la nausea.

  6. #6

    Predefinito

    L'ho visto ieri sera, un amico mi ha prestato una versione distribuita a scopo promozionale,la qualità audio e video è da DVD l'unico difetto e che ogni 20-25 minuti di film ci sono una ventina di secondi in bianco e nero.
    Comunque è molto divertente, vi consiglio di guardarlo.
    Anche le scene in cui si vedono le coltivazioni fanno ridere, per gli addetti ai lavori, le piante sono tutte uguali, fatte di plastica, coltivate molto distanti una dall'altra e con le lampade lontane anni luce. Come nella serie "weed". Cosa gli costa prendere la consulenza di qualche esperto per avere consigli su come rendere la scenografia più verosimile? Boh?
    Sarà sempre uno schiavo chi non sa vivere con poco.
    (Orazio Flacco)

  7. #7
    Banned
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    12
    Potere Reputazione
    0

    Predefinito

    bello bello bello, fa davvero schiattare dalle risate, visto durante le vacanze di natale a casa di un amico supernerd che aveva già trovato una bella versione in inglese con sottotitoli ovviamente in inglese, merita davvero

  8. #8

  9. #9
    Banned
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    112
    Potere Reputazione
    0

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da OcchiRossi Visualizza Messaggio
    E' bene sapere che già nelle traduzioni dei Simpson, SouthPark e sopratutto dei Griffin ma credo anche che ciò valga per i film, avvengono censure enormi o vengono cambiati i significati delle parole aumentando o diminuendo il messaggio che vogliono trasmettere o non trasmettere.
    verissimo.. south park in inglese fa letteralmente morire!!!!poi riguardi le puntate in italiano e dici boh..io mi ricordavo dicesse un altra cosa..

  10. #10

    Predefinito

    ma è "strafumati"?? io l'ho trovato e visto in Italiano..
    Tutti muiono, ma non tutti vivono veramente

    Ogni riferimento a fatti, persone e cose nei miei testi è puramente immaginario e/o casuale. Le foto sono prese da archivi pubblici online.

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •