Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: La religione ingrassa... e non solo le tasche...

  1. #1
    Super Moderator L'avatar di kingmob
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    lost in la mancha
    Messaggi
    5,739
    Potere Reputazione
    21

    Predefinito La religione ingrassa... e non solo le tasche...

    http://www.repubblica.it/salute/alim...11/?ref=HRLV-1

    ALIMENTAZIONE
    La religione fa ingrassare
    i fedeli sono più a rischio obesità

    La tesi è il sorprendente punto d'arrivo di una ricerca durata 18 anni su un campione di oltre 2.400 persone. Secondo i ricercatori della Northwestern University, le probabilità di avere un peso "patologico" da adulti raddoppiano tra i giovani "praticanti"



    ROMA - Chi ha problemi di linea deve stare attento a un altro fattore, insospettabile, di rischio: la religione. Secondo uno studio realizzato da ricercatori della Northwestern University, infatti, i giovani più legati alla Chiesa sono anche quelli che con più probabilità saranno obesi da adulti.

    La tesi non viene da un'associazione di laici o atei, ma è il frutto di un'indagine che ha preso in esame più di 2.400 persone - scelte tra i partecipanti allo studio multicentrico Coronary Artery Risk Development in Young Adults, svolto in tutti gli stati - e le ha seguite per 18 anni. I risultati sono stati presentati a uno dei periodici meeting dell'American Heart Association: mettendo a confronto i livelli di partecipazione ad attività religiose di giovani tra i 20 e i 32 anni d'età con il loro indice di massa corporea 18 anni dopo, i ricercatori hanno scoperto che tra i più religiosi la probabilità di essere obesi era del 50 per cento superiore.

    "Non sappiamo bene perchè la religione sia associata all'obesità - spiega Matthew Feinstein, uno degli autori - ; è possibile che il ritrovarsi insieme una volta alla settimana, associato all'alto tenore di vita che di solito hanno le persone religiose, possa portare a comportamenti che tendono a far ingrassare". Una conferma ai risultati dello studio, tra l'altro, aggiungono i ricercatori, viene dal fatto che nella 'Bible Belt', l'area sudorientale degli Usa che ha un alto numero di persone religiose, c'è

    anche il tasso maggiore di sovrappeso.

    Già in passato una ricerca della Northwestern aveva stabilito una correlazione tra il coinvolgimento religioso e l'obesità. Questo nuovo studio conferma l'ipotesi iniziale, ma soprattutto stabilisce che la relazione matura quando il credente raggiunge la mezza età.

    "L'obesità è ormai diventata un'epidemia che riguarda non solo gli Stati Uniti - dice Donald Lloyd Jones, preside di medicina preventiva alla Northwestern University Feinberg School of Medicine - . Il problema però è che i chili di troppo comportano rischi concreti di sviluppare il diabete, malattie cardiache e anche alcuni tipi tumore. Per questo è importante utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione per identificare i gruppi a rischio e per fornire istruzione e assistenza per prevenire lo sviluppo di questa malattia cronica".

    "Le organizzazioni religiose - dice ancora Matthew Feinstein - potrebbero avviare programmi volti ad aiutare le loro congregazioni a vivere ancora più a lungo. Bisognerebbe insegnare come i cambiamenti nella dieta e una maggiore attività fisica possano abbassare il rischio di malattia cardiovascolare e ridurre l'obesità, il colesterolo e la pressione alta".

    Infine, precisano gli studiosi, se la religione fa ingrassare, non necessariamente peggiora la salute. Tra gli effetti positivi della fede c'è ad esempio il fatto che le persone devote fumano meno.
    (25 marzo 2011)

    KINGMOB TESSERA A.S.C.I.A. N.09

  2. #2
    Old Sage Member L'avatar di drlecter
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    6,926
    Potere Reputazione
    27

    Predefinito



    @drlecter44

  3. #3
    Super Moderator L'avatar di kingmob
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    lost in la mancha
    Messaggi
    5,739
    Potere Reputazione
    21

    Predefinito Credere in dio fà male alla salute

    http://www.giornalettismo.com/archiv...e-alla-salute/

    Credere in Dio fa male alla salute

    Redazione

    5 maggio 2011Forse garantirà una sana esistenza extraterrena, ma non necessariamente in questo mondo essere religiosi è un toccasana per il fisico
    Poi uno si chiede come mai gli scienziati non stiano simpatici alla Chiesa. Secondo uno studio condotto da studenti di medicina presso la Loyola University Chicago Stritch School of Medicine e presentato il 30 aprile in occasione della riunione della Society of Teachers of Family Medicine di New Orleans, essere religiosi aumenterebbe la probabilità di avere l’ipertensione.
    SCIENZA – Molti studi precedenti infatti hanno dimostrato che coloro che frequentano le funzioni religiose della settimana o partecipano alle attività ecclesiastiche possono in generale avere migliori condizioni di salute. Tuttavia questi studi si erano concentrati principalmente sulla partecipazione fisica: uscire di casa e fare parte di una comunità stimolavano comunque l’organismo. I primi studi sulla corellazione tra partecipazione religiosa e pressione del sangue sono però del 2006, e coinvolgono 14 mila “cavie”. I partecipanti alle funzioni religiose avevano “una maggiore concentrazione di ipertensione regolata,” concludono gli autori dello studio. Si noti, tuttavia, che si tratta di una differenza sulla base di 1,46 millimetri Hg (unità di misura della pressione sanguigna sistolica). Sarebbe la differenza tra una lettura della pressione arteriosa, per esempio, di 141/90 contro 140/90.

    STUDIO - Lo studio di Loyola si è maggiormente incentrato sul piano spirituale, quindi non tanto sul frequentare la chiesa ma, più in generale “credere a un piano religioso che preveda transazioni in un’altra vita”. Quelli che erano più religiosi senso, sono stati anche quelli meno sani dal punto di vista della pressione sanguigna. Altri studi recenti si sono poi concentrati sulla spiritualità, anche per vedere se questo fattore da solo potesse influire sulla pressione sanguigna, magari attraverso meccanismi come la riduzione dello stress. Eppure, la preghiera e la spiritualità sono invece state associate a una pressione più elevata. Ma sott’occhio in questa serie di studi c’era solo la religione? No. E’ emerso che, ad esempio, il gioco del bingo è associato a una riduzione del 40 per cento del rischio di morte e del 65 per cento della disabilità tra gli anziani.

    KINGMOB TESSERA A.S.C.I.A. N.09

  4. #4

    Predefinito

    bah...le statistiche dovrebbero essere regolamentate con un porto d'armi come le pistole...
    IO ODIO IL NYLON!
    Odialo anche tu!

    "Proprio non li capisco questi giovani d'oggi. Smontano le sigarette, le rimontano e poi si mettono a ridere..."[cit.]

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •