Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 31

Discussione: La danza in faccia alla finanza

  1. #1

    Predefinito La danza in faccia alla finanza

    Allora... allora.....
    Che cos'è l'ENEL?
    L'ENEL è l'unica azienda elettrica italiana, in mano tra l'altro allo stato che alla fine della seconda guerra ha comprato i mulini dei produttori di energia di quel tempo.

    Ora... ora......
    La guardia di finanza è un organo che stà sotto il ministero della finanza; il vertice strategico dell'ENEL è il ministero della finanza = l'ENEL è sotto stretta sorveglianza della guardia di finanza.

    Quindi... quindi.....
    Se uno passa da 100 euro di bolletta al mese a 2500 euro al mese, se io fossi uno zelante finanziere in cerca di una promozione da appuntato a coglionazzo mancato, come minimo lo segnalerei al mio superiore o no?

    La mia doamnda è:
    ci sono paesi in cui il consumo elettrico è gestito da privati nel mondo?

    2. Se io mi compro una casa e inizio da subito a spendere 2500 euro dal primo mese che ci abito, non desto alcun sospetto?

  2. #2

    Predefinito

    Dal momento che più spendi più l'enel guadagna non vedo perchè dovrebbe segnalare... a loro interessano i soldi!!
    Anche se 2500 euro son un bel pò quindi non ci metterei la mano sul fuoco!!
    Tutti muiono, ma non tutti vivono veramente

    Ogni riferimento a fatti, persone e cose nei miei testi è puramente immaginario e/o casuale. Le foto sono prese da archivi pubblici online.

  3. #3

    Predefinito

    Si l'ENEL come ogni azienda non disprezza i guadagni, ma mi sembra che tu faccia quei discorsi paranoici di chi dice che non escono i motori ad idrogeno perchè le grandi aziende produttrici di petrolio altrimenti smetterebbero di fare soldi.. Ma mi facci il piacere, morto un papa se ne fà un altro!

    Piuttosto sarebbe interessante sapere qualcosa sugli altri paesi..
    Non so.. Germania, Francia, Turchia.. Tutti questi paesi hanno un'azienda produttrice di energia in mano allo stato?

    Non c'è nessuno che vuole fare na bella ricerca per la maturità? Dai, sarebbe un tema interessante!

  4. #4
    Old Sage Member L'avatar di Marco
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    1,096
    Potere Reputazione
    12

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da scranz Visualizza Messaggio
    Si l'ENEL come ogni azienda non disprezza i guadagni, ma mi sembra che tu faccia quei discorsi paranoici di chi dice che non escono i motori ad idrogeno perchè le grandi aziende produttrici di petrolio altrimenti smetterebbero di fare soldi.. Ma mi facci il piacere, morto un papa se ne fà un altro!

    Piuttosto sarebbe interessante sapere qualcosa sugli altri paesi..
    Non so.. Germania, Francia, Turchia.. Tutti questi paesi hanno un'azienda produttrice di energia in mano allo stato?

    Non c'è nessuno che vuole fare na bella ricerca per la maturità? Dai, sarebbe un tema interessante!
    ho trovato per la francia,

    Électricité de France (EDF) è la maggiore azienda produttrice e distributrice di energia in Francia.

    Venne fondata l'8 aprile 1946, come risultato della nazionalizzazione di un certo numero di produttori, trasportatori e distributori di elettricità, dal ministero comunista per la produzione industriale Marcel Paul. Fino al 19 novembre 2004 era una azienda statale, ma è oggi una società a responsabilità limitata sottoposta al diritto privato (société anonyme).

    La EDF ha detenuto il monopolio nella distribuzione, ma non nella produzione, dell'elettricità in Francia fino al 1999, quando venne recepita la prima direttiva della Commissione Europea per armonizzare le regolamentazioni nel mercato dell'elettricità.

    EDF è uno dei più grandi produttori di elettricità al mondo. Nel 2003, ha prodotto il 22% dell'elettricità dell'Unione Europea, principalmente dall'energia nucleare:

    * nucleare: 74,5%
    * idroelettrica: 16,2%
    * termica: 9,2%
    * eolica e altre fonti rinnovabili: 0,1%

    EDF è presente in Italia con una partecipazione del 19% in Edison e una del 50% in Transalpina di Energia Srl, la società che controlla circa il 63% di Edison.

  5. #5

    Predefinito

    scranz secondo te io sono uno di quei paranoici secondo me tu sei un ingenuo molto poco informato quindi prima di sparare sentenze senza sapere di cosa parli sabbe meglio informarti un pò voglia di spiegare nn ne ho
    ma ti dò un imput perdi un oretta del tuo tempo e vedi chi finanzia la ricerca sulle macchine a idrogeno e risali ai propetari delle aziende petrolifere
    relax, the future -is already unfolding- from long-planted seeds
    Vai con il tuo amore nei campi
    Riposa all'ombra.
    Quando vedi che i generali e i politicanti
    riescono a prevedere i movimenti del tuo pensiero,abbandonalo.
    Lascialo come un segnale della falsa pista,quella che non hai preso.
    Fai come la volpe, che lascia molte pi tracce del necessario,diverse nella direzione sbagliata.
    Pratica la resurrezione.
    (-Wendell Berry)

  6. #6

    Predefinito

    mch, potresti anche avere ragione...
    ma io dubito fortemente nei grandi complotti e/o cartelli, sempre che in mezzo non ci siano i seguenti nomi: USA, Bill Gates, Bush!
    Che non credo possano monopolizzare i brevetti per la produzione di motori ad idrogeno.. Spero... Ma se così fosse in ogni caso si saprebbe.

    Grazie Marco per le info sulla situazione francese.

    Non riesco a trovare niente sulla germania, a parte che lo stato punta in maniera massiccia sull'energia rinnovabile (pannelli solari, pale eoliche e.. basta... pensavo ce ne fossero di più..)

    Però ho trovato una cosa interessante:
    Comprare gas ed elettricità al supermercato
    Sembra incredibile ma da marzo sarà possibile: recandoci presso i punti vendita dell’Auchan potremo scegliere il nostro fornitore di energia mentre facciamo la spesa.

    La rivoluzione del settore è possibile grazie all’accordo raggiunto tra Auchan e Italcogim Energie: l'accordo ha una durata triennale ed il primo di questo genere in Italia.

    Italcogim Energie fornirà gas ed energia elettrica mentre Auchan metterà a disposizione la propria rete di 45 ipermercati per la vendita diretta.

    Il risparmio è garantito

    risparmio del 5% circa sul costo del gas e dell'energia elettrica
    gestione delle due forniture in un'unica bolletta
    nessun costo di attivazione
    massima semplificazione sia per quanto riguarda la transizione al nuovo operatore sia per quanto riguarda la gestione del rapporto
    possibilità per i clienti di avere un contatto diretto con il proprio fornitore di energia presso l'ipermercato Auchan
    L'offerta sarà lanciata a marzo presso l'ipermercato Auchan di Cinisello Balsamo (MI) e nel corso del prossimo anno sarà gradualmente estesa agli altri 45 ipermercati Auchan a gestione diretta, distribuiti in 10 regioni d'Italia (Veneto, Lombardia, Piemonte, Marche, Lazio, Abruzzo, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna).

  7. #7

    Predefinito

    Scranz ti consiglio di informarti, non si tratta di complotti atti ad impedire chel e nuove tecnologie prendano il sopravvento, solo esiste gente che rallenta i processi, per capire nel frattempo come diventare ilpadrone della nuova energia... ed è per questo che le fonti alternative continuano ad avere prezzi proibitivi. Mi sembra palese che il padrone dell'energia è allo stesso tempo il padrone del mondo... se poi ci mettiamo immezzo i soldi capiamo che chi ha i soldi ha l'energia ed il potere... indi per cui, i complotti magari non esistono perchè sono talmente palesi che non si può parlare di complotto ma di SISTEMA, un sistema che non funziona!!!
    dalla calabria col furgone

  8. #8

    Predefinito

    ok, il sistema non funziona.

    Metti una bomba in california che magari cambia qualcosa...

    Comunque dai tiriamo fuori le nostre super ideonze per il problema del consumi controllabili. Situazioni diverse da quella italiana, qualsiasi cosa dai.

    Ho pensato per esempio che con dei pannelli solari si potrebbe autoprodursi energia senza che i consumi vengano controllati da chicchessia società pubblica o privata.
    Perchè poi magari anche una sociatà privata deve rendere conto di situazione anomale come può essere quella di un pollice verde. (10 lampade da 400 ti mangiano 500 euri al mese circa.. non passano mica inosservati.

  9. #9

    Predefinito

    caro scranz, non mi piace per nulla come ti poni, se proprio vuoi fare il super prima di dire idiozie o passare per il furbone (come se i pannelli fotovoltaici fossero venuti in mente solo a te ahahaha ) informati, scopriresti che un pannello che sviluppa un kilowatt non solo è difficilissimo da reperire ma costa anche uno sproposito.... secondo luogo, non vorrei dire cagate ma mi pare che per il 51% delle quote l'enel sia privata e non statale, luogo terzo, a meno che non piazzi 2000W a 18/6 l'impennata dei consumi non è tale da giustificare un controllo che costa un sacco allo stato.

    Mi devi spiegare ancora cosa cazzo ci fai con 10 lampade da 400 Watt, alla faccia dell'autoproduzione per consumo personale chi sei polifemo? ed ancora sei a conoscenza delle limitazioni di potenza dei contatori? 3 kw di cui sono sfruttabili meno dei 2,8kw? fai un impianto industriale? devi giustificarlo! secondo me sei confuso, ti piace generare flame inutili e fai domande su dei setup che per quel che mi riguarda sono commerciali.... se io fossi moderatore chiuderei subito questo topic!
    dalla calabria col furgone

  10. #10

    Predefinito

    Ma è possibile che si trova gente che sghanghera i marroni anche qui? Basta polemiche! Che palle!
    1. I pannelli solari li ho scritti per richiamare l'argomento centrale di questo post: un modo per non destare sospetti con cambi improvvisi di consumi, perchè si stava finendo a parlare dei sistemi totalitari degli anni 40!
    2. 10 lampade da 400 sono solo un esempio per amplificare il problema.

Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •