Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Il prodigio della zeolite

  1. #1
    Old Sage Member L'avatar di drlecter
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    6,926
    Potere Reputazione
    27

    Lightbulb Il prodigio della zeolite

    Il prodigio della zeolite, la pietra che produce calore gratis

    7 marzo 2012

    La zeolite è uno strano materiale. Basta spruzzarci sopra un po' d'acqua e immediatamente comincia a emanare calore. Arriva fino a 80 gradi, per poi asciugarsi e tornare rapidamente allo stato di partenza, pronta a surriscaldarsi di nuovo. Non per niente il suo nome significa "pietra che bolle". Si comporta così per il modo in cui è fatta, perché ha al proprio interno minuscole cavità che intrappolano le particelle d'acqua e, frenandole, fanno sì che l'energia che le molecole possiedono si trasformi in calore.

    A scoprire questa singolare pietra, perché di una pietra di tratta, fu uno svedese, il mineralogista Axel Fredrik Cronstedt che alla metà del 1700 tra le altre cose scoprì il nichel, diede il nome al tungsteno e insomma era una celebrità all'epoca e nel suo campo. Anche se in realtà la cosa che lo scienziato notò fu il processo inverso: bastava scaldare la zeolite per farle emettere grandi quantità di vapore. Da allora, in molti si sono appassionati a studiare e capire questo tipo di minerali .
    Comunque sia, in un mondo sempre più affamato di fonti di energia e di energia pulita, una caratteristica come quella di emettere calore senza sforzo non poteva passare inosservata e così la zeolite adesso potrebbe entrare nelle nostre case (anzi, come vedremo, in qualche casa di sicuro è già entrata). La Vaillant , azienda leader nel settore delle caldaie, sta per mettere in commercio un modello di impianto che ha battezzato ZeoTherm e che funzionerà, almeno in parte, grazie alla zeolite.

    A chi produce impianti che si occupando generare calore per scaldare acqua in effetti non poteva di certo sfuggire un materiale che, in sostanza, riesce a fare la stessa cosa da solo, senza bisogno di fornire energia dall'esterno. Così i laboratori di ricerca e sviluppo del colosso tedesco si sono messi al lavoro e in otto anni sono riusciti a ottenere una zeolite sintetica che riproduce in tutto e per tutto la straordinaria caratteristica della pietra naturale, con il vantaggio però di non doverla estrarre sottraendo risorse alla natura e di poter disporre di un materiale puro. Perché poi, in realtà, da punto di vista chimico la zeolite è persino molto semplice: è un composto di silicio e alluminio, un alluminosilicato che si comporta in maniera "hot" grazie alla sua struttura interna. Così la zeolite sintetica si presenta con un'aria alquanto anonima: piccole sfere bianche del diametro più o meno di un millimetro.

    Molto diverse dalle belle pietre che si trovano in natura che formano cristalli con colori dal rosa al verde, grazie agli altri minerali con cui silicio e alluminio si combinano nel lungo processo di formazione geologica. Perché in realtà la zeolite non è una sola: sono tante pietre diverse che cambiano nome, e colore, a seconda del minerale che incorporano. La zeolite sintetica è meno bella, ma promette di mantenere intatto il suo straordinario potere per circa 300 anni. E a un prezzo piuttosto ragionevole: un chilo di prodotto, rivela la Vaillant, costa circa 70 euro.
    In realtà ZeoTherm è un sistema integrato, che comprende pannelli solari, pompe di calore a gas e, appunto, zeolite. Alla quale è affidato il compito di aumentare l'efficienza del sistema, facendo risparmiare energia e, quindi soldi. «I rendimenti energetici dei nuovi impianti energetici sono già altissimi, ma con la zeolite siamo riusciti ad arrivare al 135%», racconta Gherardo Magri, amministratore delegato di Vaillant Italia. Il vantaggio non è piccolo: se all'improvviso tutti gli impianti di riscaldamento di una città come Milano adottassero questo sistema, hanno calcolato, l'effetto sarebbe di 150.000 tonnellate di CO2 in meno all'anno o, detto in termini ancora più semplici, l'equivalente di 103 giorni all'anno con la città senza nemmeno un auto per le strade. Un bel successo ecologico.

    La zeolite da sola ancora non ce la fa a far funzionare un impianto di riscaldamento. Quando viene bagnata emette calore, ma poi deve asciugarsi per potere ripetere la performance. Però è chiaro che il suo ruolo in un ciclo di produzione come quello di una caldaia, può essere strategico. E la Vaillant sta pensando a come uitilizzarla anche nelle piccole caldaie domestiche a gas. «Siamo solo all'inizio di un nuovo viaggio», promette Magri. Anche perché la Vaillant non è poi l'unica impresa che sta pensando o ha pensato a come usare la zeolite. C'è chi la sta mettendo nelle lavatrici e chi negli impianti di condizionamento. Ma in realtà questo materiale ha anche un'altissima capacità filtrante.

    Quindi può essere usata per trattenere sostanze inquinanti e depurare. La Tepco, per esempio, l'ha usata nel mare davanti a Fukushima per assorbire materiale radioattivo dopo il disastro di un anno fa nella sua centrale nucleare , mentre ci sono molte aziende che la producono per filtrare l'acqua delle piscine o degli acquari. Un materiale davvero particolare, insomma, che nella quotidiana ricerca di soluzioni per l'inquinamento e per la produzione di energia potrebbe riservare altre sorprese nei modi in cui riuscire ad esserci utile.

    http://www.ilsole24ore.com/art/tecno...?uuid=AbgByG4E


    @drlecter44

  2. #2
    Super Moderator L'avatar di jaco
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    6,386
    Potere Reputazione
    23

    Predefinito

    La zeolite è uno di quei materiali che, fin dal momento in cui mi ci sono imbattuto, mi intriga.
    Anche in agricoltura ha delle applicazioni e delle potenzialità interessanti.

    Sapevate, ad esempio, che ha una capacità di scambio cationico eccezionale consentendo, dunque, di assorbire nutrienti (evitando che si formino depositi salini di precipitati non assimilabili dalle piante) e rilasciarli gradualmente mentre, nel contempo, gradualmente rilascia l'acqua?

    E sapevate che limita fortemente l'attecchimento e la proliferazione di alcuni ceppi di muffe dannose?

    E sapevate che ha anche un limitato potere chgelante nei confronti di alcuni metalli pesanti?

    Senza contare che migliora la struttura fisica dei terreni troppo argillosi o pesanti.

    Qualora ne vogliate sapere di più...leggete qui.
    "Il saggio parla perché ha qualcosa da dire. Lo sciocco perché ha da dire qualcosa."

  3. #3
    Old Sage Member L'avatar di Fenone
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    4,688
    Potere Reputazione
    18

    Predefinito

    io la interro ogni tre anni nell'orto.
    Se chi beve birra campa cent'anni.....immaginatevi quanto campa chi se la fa' e se la beve!!!!
    (Feno Fenonis)

    Non ho nessuna certezza...,al massimo qualche probabilita'
    (Renato Cacciopoli/uno dei piu' grandi fisici italiani,nonche' nipote di Bakunin teorico dell'anarchismo)

    MI MANCA TANTO IL CAZZIULATOR!

  4. #4
    Old Sage Member L'avatar di drlecter
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    6,926
    Potere Reputazione
    27

    Predefinito

    bella, Fenone ben tornato!


    @drlecter44

  5. #5
    Old Sage Member L'avatar di LilTia
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    3,134
    Potere Reputazione
    20

    Predefinito

    bella dr! Interessantissimo argomento. Trovo che la sua applicazione in qlc ciclo termodinamico sia molto interessante. Io la uso ma è uno di quei materiali che faccio sempre fatica a trovare e a trovarne di buona qualità. Volevo provare la biomagno ma non c'è mai quando faccio l'ordine! Qualcuno ne conosce di buona qualità e dove acquistarla?
    Umilta' e onesta' sono anche classe ed eleganza.

    Piu piante e meno parole.

    Io? Dalla parte delle piante!

    Old&Indoor
    Outdoor

    My Ladies

  6. #6
    Moderator L'avatar di iosono
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    valle dei 7 morti
    Messaggi
    3,864
    Potere Reputazione
    26

    Predefinito

    ciao LilTia,prova a vedere qua,sembra davvero quello di qui si parla.tra poke settimane la prendo ankio ciao
    http://www.europomice.it/prodotti/zeolite/
    "Il segreto per una miglior coltivazione delle piante,oltre alle nozioni scientifiche,è l'amore" Luther Burbank...(riposa in pace maestro)
    "Il grande errore consiste nel voler anticipare il risultato dell’impegno…
    non dovreste preoccuparvi di come finirà, lasciate solo che la natura faccia il suo corso" Bruce Lee

    "beati coloro che credono senza avere visto"



  7. #7

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da LilTia Visualizza Messaggio
    bella dr! Interessantissimo argomento. Trovo che la sua applicazione in qlc ciclo termodinamico sia molto interessante. Io la uso ma è uno di quei materiali che faccio sempre fatica a trovare e a trovarne di buona qualità. Volevo provare la biomagno ma non c'è mai quando faccio l'ordine! Qualcuno ne conosce di buona qualità e dove acquistarla?
    questa è di ottima qualità
    http://www.embio.it/catalog_1/produc...oducts_id=5290
    e costa la metà di quella biomagno.

    se no mandate una mail a italiana zeoliti chiedendo il rivenditore piu vicino a casa vostra anche se in quel caso dovreste comprarne almeno 25 kg,il prezzo è insuperabile

  8. #8
    Old Sage Member L'avatar di BlackDomina
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    South Italy
    Messaggi
    4,783
    Potere Reputazione
    24

    Predefinito

    nella preparazione di un terriccio, quanta ne andrebbe messa??
    DoN't DrInK AnD DrIvE BuT SmOkE AnD FlY


  9. #9

    Predefinito

    1-2 kg ogni 100 litri di sustrato

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •