Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Diddetta canone Rai

  1. #1

    Post Diddetta canone Rai

    La disdetta del canone Rai può essere richiesta in questi due casi:

    1) Cessione del televisore a terzi che subentrano nell’abbonamento, furto della Tv, incendio o guasto. Ecco le istruzioni passo per passo:
    - prima di richiedere la disdetta dell’abbonamento Rai è necessario assicurarsi di essere in regola con i pagamenti e di non avere multe pendenti;
    - fatto ciò basta recuperare il libretto di abbonamento Rai e compilare la cartolina D allegata alla parte 1. La cartolina B se il libretto è recente.
    - In caso si ceda il televisore a terzi, bisogna dichiararne le generalità.
    - In ogni caso occorre dichiarare che nel proprio domicilio non sono presenti altri televisori.
    - La cartolina va poi inviata senza busta in raccomandata con con avviso di ricevimento.
    Avete perso il libretto di abbonamento Rai? Niente paura: è possibile spedire la lettera, in busta chiusa, tramite raccomandata AR all’indirizzo: S.A.T. – casella postale 22 - 10121 Torino.

    2) Rinuncia all’apparecchio televisivo, ovvero suggellamento del televisore.
    Suggellare una Tv significa renderla inutilizzabile, dopo averla sigillata in una opportuna custodia, a norma del regio decreto 246 del 1938. Ecco le istruzioni:
    - assicurarsi di aver pagato per intero il canone dell’anno in corso e di non avere altre pendenze con il SAT.
    - Effettuare un vaglia all’Agenzia delle Entrate - SAT Sportello Abbonamenti Tv - Ufficio Torino 1 - c.p. 22 – 10121 Torino Vaglia e Risparmi, indicando nella causale diritti per spese chiusura apparecchio televisivo, ruolo n.……….., versando la somma di 5,16 euro per ogni apparecchio da sigillare.
    - Dopo aver effettuato il vaglia: se si possiede il libretto di abbonamento, occorre compilare la cartolina D allegata al libretto nella parte 2, o B nei libretti più recenti. Riportare negli spazi bianchi il numero del vaglia e la data del versamento o oppure allegare la ricevuta del vaglia.
    - Spedire quindi senza busta in raccomandata AR entro il 31 dicembre allo stesso indirizzo.
    - Al momento del ricevimento della cartolina di ritorno, si potrà spedire in raccomandata AR il libretto di abbonamento, dopo aver tolto le ricevute dei versamenti corrisposti alla Rai negli ultimi 10 anni.
    - Se non si possiede il libretto di abbonamento è possibile, dopo aver fatto il vaglia postale, spedire questa lettera, stavolta in busta chiusa raccomandata AR, al solito indirizzo: Agenzia delle Entrate S.A.T. - Sportello Abbonamenti TV - Ufficio Torino 1 - c.p. 22 – 10121 Torino.
    - A questo punto dovrebbe arrivare un agente delle forze di Pubblica Sicurezza o un impiegato SAT a prelevare il televisore.




    P.S.:Fonte Tuttogratis.it

  2. #2

    Predefinito

    per far continuare a pagare il canone fanno pure questo:

    Gli abbonati Rai in regola con il pagamento del canone da sabato 27 febbraio possono richiedere a Rai la smart card di Tivu' Sat (la piattaforma messa in piedi dall'emittente pubblica insieme a Mediaset e Telecom Italia Media), a fronte del rimborso dei costi. Si allargano in tal modo le opportunita' di ricevere via satellite anche l'intera programmazione dei canali digitali della Rai. L'utente e' infatti adesso libero di scegliere se acquistare un decoder certificato Tivu' Sat o chiedere la sola smart card, da utilizzare su un decoder preesistente. E' quanto dice viale Mazzini in un comunicato. Non e' un regalo, pero', la tessera costa dai 16 ai 21 euro.
    Va ricordato pero' che Tivu' srl (che eroga i servizi della piattaforma satellitare gratuita Tivu' Sat) puo' garantire il funzionamento della smart card solo per ricevitori certificati Tivu' Sat, restando l'uso della card in abbinamento ad altri ricevitori sotto la totale responsabilita' dell'utente. Tivu' S.r.l. fornisce di conseguenza assistenza tecnica esclusivamente alle tessere associate a ricevitori certificati Tivu' Sat.

    Rai fornira' a ciascun utente fino ad un massimo di due smart card per abbonamento. Per ciascuna di essa dovra' essere fatta una richiesta distinta.
    Si puo' chiedere la smart card collegandosi al sito www.rai.it e inviando la richiesta online; oppure scrivendo a Rai - Radiotelevisione italiana, casella postale 50 25073 Bovezzo (Brescia), specificando nome e cognome dell'intestatario dell'abbonamento, numero di abbonamento specificando se ordinario o speciale, codice di controllo (solo per abbonamento ordinario), recapito per la spedizione della smart card completo di CAP. Le richieste con dati incompleti resteranno inevase. Se richiesta tramite Web, la card potra' essere pagata online con carta di credito o contrassegno. Se invece la richiesta perverra' via posta, la sola modalita' prevista di pagamento e' contrassegno.
    All'utente sara' richiesto il rimborso del costo della card, della logistica (magazzino e spedizione postale) e della transazione (uso della carta di credito o contrassegno). Il costo di conseguenza varia in ragione della modalita' della richiesta (online o via posta) e della modalita' di pagamento.
    I costi per l'utente sono i seguenti, comprensivi di IVA: richiesta online e pagamento con carta di credito, euro 16,20; richiesta online e pagamento contrassegno, euro 18,00; richiesta via posta e pagamento contrassegno, euro 21,60. Rai ottempera in tal modo a quanto disposto dalla delibera AGCOM n. 732/09/CONS del 16 dicembre 2009.

    può darsi che così qualcuno rimarrà come abbonato

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •