Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: condannato per coltivazzione e poi assolto

  1. #1
    Old Sage Member L'avatar di flasensi
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    6,318
    Potere Reputazione
    25

    Predefinito condannato per coltivazzione e poi assolto

    A volte qualche notizia bella.

    http://www.telejonio.com/notizia.php?id=2496

    Scarcerato Bernardo Parise dopo l'arresto avvenuto il 31 luglio Sabato 16/04/2011 - Cronaca
    Scarcerato il cinquantasettenne Bernardo Parise, che era stato arrestato il 31 luglio dell'anno scorso. La Corte di Appello di Catanzaro, prima sezione penale, ha modificato la sentenza del Tribunale di Crotone, emessa l'8 agosto del 2010, con la quale Parise era stato dichiarato colpevole di coltivazione illecita di sostanze stupefacenti ed era stato condannato alla pena di 4 anni e 4 mesi di reclusione e ad una multa di 18 mila euro.
    Vista la dichiarazione di appello proposta dall'avvocato Walter Parise, la Corte di Appello, presieduta da Donatella Garcea, ha riformato la sentenza del Tribunale penale di Crotone, assolvendo lo stesso Parise dal reato a lui ascrittogli perchÚ il fatto non sussiste e ridetermina la pena per allaccio abusivo alla rete idrica comunale in mesi 8 e 20 giorni di reclusione e 140 euro di multa, ordinandone la immediata liberazione.
    A seguito di una segnalazione relativa ad un furto aggravato di acqua dalla rete idrica comunale, i carabinieri della Stazione di Mesoraca si erano recati, il 31 luglio scorso, in localitÓ Puglisano e lý avevano verificato la presenza di un allaccio abusivo alla rete idrica, alla quale era stato collegato un tubo di gomma della lunghezza di circa cinquanta metri che consentiva l'irrigazione di 65 piante di cannabis indica, coltivate su di una piazzola appositamente realizzata all'interno di un burrone.
    Nel corso di un servizio di appostamento, i carabinieri avrebbero notato il Parise spostare alcune pietre che occultavano la deviazione ed azionare la valvola che consentiva l'irrigazione della piantagione. L'arresto venne convalidato dalla dottoressa Olga Manuel, mentre pi¨ avanti la dottoressa Bianca Maria Todaro ha rigettato l'istanza, avanzata il 5 novembre 2010, diretta ad ottenere la sostituzione della misura cautelare della custodia in carcere con quella degli arresti domiciliari. La Corte d'Appello di Catanzaro ha poi dichiarato libero il Parise, dopo pi¨ di otto mesi di reclusione trascorsi presso le Case circondariali di Crotone e di Rossano.
    prevenzione = parola d ordine!

    tessera ASCIA n 43.

  2. #2

    Predefinito

    Scusate ma 65 piante di cannabis indica, ma anche 2, in Italia, sono un reato! Coltivazione di sostanze stupefacenti, reato punito con una pena dai 6 anni in su di reclusione! Come mai lo hanno assolto da questa accusa?!?!?!

  3. #3

    Predefinito

    perchŔ ha pagato....cosi soldi si fa tutto!
    ITALIA

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •