Pagina 5 di 6 PrimaPrima 123456 UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 51

Discussione: Velo/ Francia, divieto diventa legge: bandito in luoghi pubblici

  1. #41

    Predefinito

    Che tristezza... il mondo è così grosso... e noi per idee o religioni o abitudini diverse non riusciamo a conviverci.
    Eppure dopo un bel trombone... di quella buona, siamo tutti fratelli... poi si parla di soldi, di lavoro e la storia cambia, giu te per andare su io... triste!
    Io penso che ogniuno sia libero, e dovrebbe avere il diritto di fare ciò che vuole, quindi come noi vogliamo fumare in santa pace,qualcuno vuole solo non perdere le proprie tradizioni...
    Secondo me di chi usa il velo non ci si deve preoccupare è solo una questione razziale e di potere, non sei come me? comando io? quindi il velo non lo metti...
    hanno dirottato aerei di linea e li hanno fatti scontrare con dei grattacieli, secondo voi erano con o senza velo? Se uno si vuole far eslpodere... mette il velo? L'eplosivo lo nasconde sulla faccia???
    Hanno sbagliato tutto, dovevano fare una legge che se sei arabo o assomigli ad un arabo devi andare in giro nudo, così si è sicuri se qualcuno ha un erezione e quindi fa pensieri sconci e soprattutto non si può nascondere dell'esplosivo tra i vestiti... ma aspettate ci sono gli orifizi... quindi, treni e campi di concentramento e ci togliamo un problema!... sempre più triste...
    Se un uomo fuma sotto un cartello che dice vietato fumare, gli si fa la multa e si invita a fumare altrove,
    se 10 uomini fumano sotto lo stesso
    cartello si invitano a fumare altrove,
    se 100 uomini fumano sotto il
    medesimo cartello...si toglie il cartello!
    (Benjamin Franklin)



  2. #42

    Predefinito

    Condivido il pensiero che sia una tradizione maschilista e che sminuisce ed offende le donne, ma sono quelle donne che devono capire, noi possiamo mostrar loro la strada, ma se non la vogliono percorrere non abbiamo il diritto di obbligarle. Tutto qua... poi ricordo che se uno vuole fare una rapina o qualsiasi altro tipo di reato... alla faccia della legge che vieta di coprirsi il volto in pubblico si mette il passamontagna comunque... stiamo parlando di aria fritta!
    Se un uomo fuma sotto un cartello che dice vietato fumare, gli si fa la multa e si invita a fumare altrove,
    se 10 uomini fumano sotto lo stesso
    cartello si invitano a fumare altrove,
    se 100 uomini fumano sotto il
    medesimo cartello...si toglie il cartello!
    (Benjamin Franklin)



  3. #43
    Old Sage Member L'avatar di erNyz
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    1,186
    Potere Reputazione
    10

    Predefinito

    bravo seer hai colto il nocciolo del discorso... purtroppo mi esprimo in modo contorto e poco lineare

    +rep !!!!!!!

  4. #44
    MoNio
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SeerOfGreen Visualizza Messaggio
    Condivido il pensiero che sia una tradizione maschilista e che sminuisce ed offende le donne, ma sono quelle donne che devono capire, noi possiamo mostrar loro la strada, ma se non la vogliono percorrere non abbiamo il diritto di obbligarle. Tutto qua... poi ricordo che se uno vuole fare una rapina o qualsiasi altro tipo di reato... alla faccia della legge che vieta di coprirsi il volto in pubblico si mette il passamontagna comunque... stiamo parlando di aria fritta!
    speriamo che le suore diano il buon esempio.......ahahhahahah.......

    bella seer.....rep+

  5. #45
    Old Sage Member
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    In alto, sulla sinistra.
    Messaggi
    2,824
    Potere Reputazione
    15

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SeerOfGreen Visualizza Messaggio
    Condivido il pensiero che sia una tradizione maschilista e che sminuisce ed offende le donne, ma sono quelle donne che devono capire, noi possiamo mostrar loro la strada, ma se non la vogliono percorrere non abbiamo il diritto di obbligarle. Tutto qua... poi ricordo che se uno vuole fare una rapina o qualsiasi altro tipo di reato... alla faccia della legge che vieta di coprirsi il volto in pubblico si mette il passamontagna comunque... stiamo parlando di aria fritta!
    concordo in quasi pieno.... :)
    Non gradisco la legge francese,così cone è formulata, ma non sono convinto sia tutta aria fritta...
    leggendo qualche articolo mi è parso di capire che in francia possono capitare situazioni in cui un poliziotto chiede una patente ad una persona col viso coperto e gli viene mostrata una patente con la foto di una persona col viso coperto...capisci che...insomma...
    ora queste saranno anche situazioni estreme, magari capitate una volta e passate a leggenda...ma poichè sono tutte situazioni verosimili e imbarazzanti,di cui si può compilare una lista abbastanza lunga(situazioni alle poste, anagrafe, questura, ecc ecc), per l'interesse di tutti, ma soprattutto per la libertà di cultura(e per una volta la religione c'entra poco,e quindi non mussulmani ma arabi), mi sembra doveroso disciplinarle...

    Non mi chiedete come si possa fare, ma non condivido il divieto ad una persona di far la spesa con il burka e li mi allaccio alle bellissime parole di seerfgreen, poichè spesso anch'io mi sento parlar di aria fritta...
    I'm a gambler !!

  6. #46

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da zanzi Visualizza Messaggio
    concordo in quasi pieno.... :)
    Non gradisco la legge francese,così cone è formulata, ma non sono convinto sia tutta aria fritta...
    leggendo qualche articolo mi è parso di capire che in francia possono capitare situazioni in cui un poliziotto chiede una patente ad una persona col viso coperto e gli viene mostrata una patente con la foto di una persona col viso coperto...capisci che...insomma...
    ora queste saranno anche situazioni estreme, magari capitate una volta e passate a leggenda...ma poichè sono tutte situazioni verosimili e imbarazzanti,di cui si può compilare una lista abbastanza lunga(situazioni alle poste, anagrafe, questura, ecc ecc), per l'interesse di tutti, ma soprattutto per la libertà di cultura(e per una volta la religione c'entra poco,e quindi non mussulmani ma arabi), mi sembra doveroso disciplinarle...

    Non mi chiedete come si possa fare, ma non condivido il divieto ad una persona di far la spesa con il burka e li mi allaccio alle bellissime parole di seerfgreen, poichè spesso anch'io mi sento parlar di aria fritta...
    Bhè imponi la foto sul documento senza velo, e poi te lo tiri su un attimo per la conferma ed il gioco è fatto... chi vuol far del male, terrorista o meno, il modo lo trova...
    Se un uomo fuma sotto un cartello che dice vietato fumare, gli si fa la multa e si invita a fumare altrove,
    se 10 uomini fumano sotto lo stesso
    cartello si invitano a fumare altrove,
    se 100 uomini fumano sotto il
    medesimo cartello...si toglie il cartello!
    (Benjamin Franklin)



  7. #47
    Old Sage Member
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    In alto, sulla sinistra.
    Messaggi
    2,824
    Potere Reputazione
    15

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SeerOfGreen Visualizza Messaggio
    Bhè imponi la foto sul documento senza velo, e poi te lo tiri su un attimo per la conferma ed il gioco è fatto... chi vuol far del male, terrorista o meno, il modo lo trova...
    ....bene...però queste cose vanno fatte!!!vanno scritte delle regole su come comportarsi nel riconoscimento, a cui nessuno possa obbiettare...e non ci deve essere imbarazzo legale quando un poliziotto chiede dei documenti a una donna col velo....magari che è in macchina da sola e mi è passata col rosso...
    così viviamo tutti felici e contenti....

    per la storia dei terroristi mi vien da ridere, si!!!
    I'm a gambler !!

  8. #48

    Predefinito

    Ragazzi ma come cazzo parlate del burka dei mussulmani!!!!
    Per me quest' italia ,per quel che mi riguarda, la dovrebbero riempire di moschee!
    sopratutto nel lazio in special modo a Roma.
    Magari la mentalità dell' italiano medio cambierebbe dopo millenni di vaticazzo e soci!
    Ok? e dopo il burka c' è da dire cos'è che gli rimasto da proibire; l'aria cazzo !
    Ma facciano un piacere a tutto il mondo e si levino dai coglioni prima che possano; loro e questa classe politica di merda: berlusca,bossi ,casini, d'alema,fini-giovanardi ...........mavvaffanculo.

  9. #49
    herbless
    Guest

    Predefinito

    vaticazzo!!!!!!!!!!!!!!
    buahahahahahah! grande Giuno', questa mi mancava.

    ma che l' avete finita con sta logica del NOI e del Loro:
    prima i terroni
    poi i negri
    ora gli arabi
    Domani?

    la ruota gira e un domani ci staremo noi sulla gogna.......
    riflettete gente riflettete: la storia e' ciclica nn lineare come ve la fanno credere

  10. #50
    Old Sage Member L'avatar di erNyz
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    1,186
    Potere Reputazione
    10

    Predefinito

    infatti a proposito...

    Rom, l’Economist: «I ‘pionieri’ delle deportazioni sono stati gli italiani»
    ROMA – I rom non solo poveri ma anche perseguitati. E i “pionieri” delle deportazioni sono stati gli italiani. Così è scritto nell’editoriale dell’Economist “Pasti caldi per casi difficili” in edicola oggi: “Le persecuzioni a danno dei rom non risolveranno il più grande problema sociale dell’Europa. L’educazione, invece, potrebbe”. Più avanti il settimanale di Londra se la prende direttamente con il nostro Governo, all’avanguardia in materia di politiche antirom: “Alcuni Governi dell’Europa occidentale hanno pensato una semplice soluzione al problema rom: deportarli. Questo approccio, perseguito per la prima volta dall’Italia ed ora diffuso in Francia, quest’anno ha rispedito a casa in Bulgaria e Romania circa 8mila rom, perlopiù in deportazioni volontarie, allettate da garanzie di liquidazioni monetarie”.



    L’Economist poi interviene nella polemica tra la commissaria per la giustizia Viviane Reding e il presidente francese Nicholas Sarkozy, reo di perseguire politiche discriminatorie degne della politica di Vichy. Secondo il periodico britannico, Reding “ha giustamente minacciato di iniziare un’azione legale contro la Francia, che potrebbe condurre a multe più onerose e umilianti”.

    Eppure c’è uno strumento per bloccare questo circolo vizioso: l’educazione. “Molti bambini rom frequentano le scuole incostantemente se non mai” scrive l’Economist, ammettendo che l’integrazione nelle classi è difficile. Ma l’esperienza romena insegna che è possibile convincere i rom a mandare i figli a scuola. “Un primo passo è far finire la discriminazione che prosegue ancora in molti Paesi, come per esempio la Slovacchia”. Allora la soluzione sta in voucher, pasti caldi, sovvenzioni per vestiti e scarpe. “Misure che costano pochi soldi”: perché non è il cash che serve, “ma ingegno e volontà”.

Pagina 5 di 6 PrimaPrima 123456 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •