Pagina 7 di 9 PrimaPrima 123456789 UltimaUltima
Risultati da 61 a 70 di 85

Discussione: Pugno a Berlusconi

  1. #61

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da erba.di.casa.mia... Visualizza Messaggio
    preso da un qualche luogo o un qualche dove QUINDI PUR NON ESSENDO FARINA DEL MIO SACCO VORREI CHE VI FACESSE RIFLETTERE



    alla luce di quanto si è detto e sentito ieri sera tra porta aporta , l'infedele e i vari tg ..
    e dopo aver letto un po di roba sul popolo viola, sono arrivato alle mie personali conclusioni ...
    in base alle quali io personalmentecancellerei anche questo topic .....

    adesso vi racconto una storia ....

    un bel giorno un tipo che era diventato premier grazie all'aiuto della mafia ,
    e dopo aver tentato di modificare piu volte la costituzione a suo favore ,
    vede minacciato il suo enorme castello di carte dalla stessa mafia , dai pochi politci rimasti onesti , e da un nutrito gruppo di italiani che sembrano essersi uniti spontaneamente mediante la rete , per manifestare contro di lui .....
    allora comincia a straparlare e a sputare veleno su chiunque ...
    poi un bel giorno , dopo aver tentato in tutti i modi di fuorviare l'opinione pubblica mediante scandali trasversali , corruzzioni ed ingiurie , decide di inscenare una bella fiction ...
    dopotutto lui è il re delle fiction ...
    è attraverso le sue tv ed il cntrollo di quella di stato che controlla l'informazione e che rimbambisce la gente accaparrandosi stima e voti .....

    all'ora ordina ad uno dei suoi tanti scagnozzi di rimediare un povero pscolabile ...
    questo dietro lauto compenso lo colirà al volto in mezzo alla folla dopo il suo ennesimo comizio
    denigratorio nei confronti di tutti quelli che gli danno contro ..
    il tipo fa il suo lavoro, viene preso e dichiara di odiare lavittima ed il suo partito ...
    per giorni non si parla d'altro nel paese e non si perde occasione per accusare ogni parte avversa di essere mandante di tale atto condanato da tutta la gente con una normale coscenza ...
    e si coglie l'occasione per criminalizzare la rete ed i veri nemici del politico ... i cittadini onesti ..

    poi l'aggressore si scusa pubblicamente , non viene neanche denunciato ma altresi perdonato
    dal magnanimo politico vittima e martire santificato dal popolo ...
    in questo modo guadagnerà popolarità e voti ....
    aggiungerei che ora la finanziaria tanto scomoda passerà sotto tacito silenzio...gli scandali che si sentono adesso dei suoi amici collusi con la mafia spariranno in poco tempo...
    i nostri cari politici intanto limitano la nostra libertà di manifestare e di dissentire...tutto questo sotto il vessillo della "sicurezza"

    vi ricordate: italiani popolo di idioti e palle mosce
    "io sono drogato come chi beve il caff...anzi chi ne beve tre lo pi di me"




  2. #62

    Predefinito

    yes
    うんすい〜

  3. #63
    Old Sage Member L'avatar di Edcm
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    1,185
    Potere Reputazione
    14

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da erba.di.casa.mia... Visualizza Messaggio
    http://www.youtube.com/watch?v=pTekL...ayer_embedded#

    continuo a chiedermi come mai avesse in mano quello che sembra un sacchetto di plastica , se stava stringendo le mani ?
    vedo che non ero il solo a pensare ad una macchinazione

    http://aceontheriver.splinder.com/po...+Berlusconi+è+


    MARTEDÌ, 15 DICEMBRE 2009
    L'aggressione a Berlusconi è una montatura
    Ho visto e rivisto video e fotografie dell'aggressione a Berlusconi e sono convinto di una cosa, è tutta una montatura.

    Guardando alcuni video su YouTube si possono notare molte cose strane:

    1) Nel video ripreso dalla telecamera che inquadra berlusconi più da vicino e ad altezza uomo, presumibilmente la telecamera ufficiale del Pdl, l'operatore, che aveva precedentemente seguito Berlusconi incessantemente, sposta l'inquadratura sulla folla proprio pochi secondi prima dell'aggressione.
    Guardate al minuto/secondo 1:43 del seguente video:




    [ame="http://www.youtube.com/watch?v=JbX23pTi_CI&feature=player_embedded"]YouTube- Agresión a Silvio Berlusconi[/ame]

    Addirittura l'operatore sposta la telecamera proprio nel momento in cui il braccio dell'assalitore diventa visibile nell'inquadratura (in alto a sinistra).
    Il movimento è inoltre alquanto repentino, non credo compatibile con qualsivoglia dettame che regoli il corretto utilizzo degli strumenti di ripresa.
    Credo che basti chiedere a un qualsiasi operatore dilettante per sapere se una manovra del genere sia da considerarsi corretta.
    Un verifica in più può essere fatta scoprendo chi è l'operatore della telecamera in questione e per chi lavora.

    2) Nelle riprese in cui si vede l'aggressione dall'alto invece (ce ne sono tante su YouTube) sembra che l'oggetto non colpisca B. in pieno, ma anzi quasi lo sfiori solamente.
    Inoltre il suo capo rimane immobile; un colpo talmente forte da rompere labbro, due incisivi e naso avrebbe sicuramente provocato un contraccolpo molto forte dovuto al violento impatto, non credete?

    3) Si può inoltre notare che appena dopo l'impatto non c'è sangue sul volto di Berlusconi.
    Dopo l'impatto B. si porta le mani al volto, nascondendo qualsiasi possibile ferita.
    Ma un impatto di tipo lacero-contusivo non dovrebbe provocare tagli e ferite in modo pressoche istantaneo?

    Viene poi portato in auto e lì vi rimane alcuni secondi; purtroppo dai video che ho visto non sono riuscito a calcolarne l'ammontare esatto, credo comunque che vi rimanga almeno un minuto.

    Al minuto 3:46 del video sopra citato si può vedere un agente della scorta che porta la mano sul viso di B. mentre impugna qualcosa; questo oggetto può essere un semplice fazzoletto, oppure l'aggeggio che si può vedere successivamente qui:

    http://www.repubblica.it/2006/05/gal...redito/12.html

    Cosa può essere? Magari una pistoletta che lancia sangue finto?

    ( ED AGGIUNGO IO COME MAI IL FAZZOLEZZO IN MANO SULLE SEGUENTI FOTO SEMBRA USCITO DALLA LAVANDERIA ? )

    4) Nella fotosequenza di Repubblica.it si vede come B. si porti le mani al volto tenendo tra le dita un sacchetto nero.
    Nella prima foto si vede come nel momento dello spasimo seguente il ferimento si porta le mani al volto tenendo i pugni serrati.
    Nel momento in cui una persona prova un dolore inteso e porta le mani al volto è fattibile che tenga i pugni chiusi in modo da poter tenere in mano un oggetto?
    Non sarebbe più logico che aprisse immediatamente le mani?

    5) Nelle immagini su Repubblica.it si può notare come le mani di Berlusconi non siano minimamente sporche di sangue. Come è possibile?

    Vi consiglio di scaricare il video da YouTube per poterlo visualizzare meglio al rallentatore.

    In definitiva credo che B. non si sia fatto nulla nell'impatto avuto, di striscio, con l'oggetto lanciato dall'aggressore.
    Si è invece truccato per bene nei secondi in cui è stato in auto, per poi uscirne in modo da mostrare a tutti le presunte conseguenze di quello che voleva far credere gli fosse successo.

    Ecco un altro blogger che la pensa come me:

    http://eretici.blogspot.com/2009/12/...tutta-una.html

    Cosa ne pensate?

    [ame="http://www.youtube.com/watch?v=vWmvrYIKitA"]YouTube- Berlusconi ferito a Milano: strani particolari[/ame]

    EDIT:

    RIGUARDANDO i video comunque ho visto che la busta il signor B l'aveva in mano poiché ci metteva delle carte , ma ho notato anche che la sua fidata guardia del corpo alzava la mano come x fare un segnale poco prima

  4. #64

    Predefinito

    Dirette televisive su internet
    serve il via libera del governo


    Dirette televisive su internet serve il via libera del governo
    Il governo viene allo scoperto e conferma - con il viceministro Paolo Romani - che il Consiglio dei ministri di domani cambierà le regole della televisione italiana e anche di Internet. Il provvedimento è complesso, sconfinato: parliamo di 100 pagine fitte di articoli e commi.

    Il provvedimento, una volta approvato dal governo, sarà subito operativo e non farà alcun passaggio in Parlamento per verifiche o correzioni. Si tratta di un decreto legislativo che gode di una corsia preferenziale assoluta.

    Il provvedimento detta nuove regole per Internet; toglie risorse ai produttori tv italiani ed europei; limita la possibilità di Sky di trasmettere spot, come ieri Repubblica ha anticipato.

    Anche la Rete, dunque, è oggetto delle attenzioni del governo. All'articolo 21, il decreto dice che il Garante delle Comunicazioni dovrà scrivere un regolamento sui servizi diffusi in "diretta continua su Internet" anche con la tecnica del livestreaming. Poi, sulla base di questo regolamento, il governo autorizzerà i servizi. Sembra di capire che dovranno ricevere una autorizzazione e l'iscrizione a un registro quei siti che vogliono trasmettere eventi, concerti, sport, manifestazioni in diretta via Internet. Vengono equiparati, dunque, a delle vere e proprie tv.

    Cattive notizie anche per i produttori televisivi indipendenti. La legge attuale li protegge. Stabilisce che i network televisivi debbano trasmettere film o fiction recenti - prodotti in Italia o in Europa - per il 10% del tempo, soprattutto nelle fasce di maggiore ascolto. I network inoltre devono produrre o comprare opere recenti con il 10% dei loro introiti netti. Queste regole servono a proteggere l'industria culturale italiane ed europea. Ma ora il governo - con il suo decreto - depotenzia molto queste misure di garanzia "dimostrando - accusano Vita del Pd e Giulietti del Gruppo Misto - una discreta cecità".

    Il decreto autorizza, poi, il product placement anche alla tv: i concorrenti del "Grande Fratello" mangeranno in cucine di cui si vedrà la marca, per fare solo un esempio. E poi c'è la pubblicità. Oggi Sky può trasmettere spot per il 18% di ogni ora, proprio come Canale 5 o La7. Il governo abbasserà questo tetto al 12%.

    Questa specifica norma preoccupa anche gli editori che forniscono propri canali alla pay-tv. La Fox, che assicura a Sky 12 canali tra i più visti sul satellite, ricorda di essere presente in 90 Paesi al mondo: in nessuno di questi, sono in vigore tetti pubblicitari come quelli immaginati dal governo italiano. Oggi Fox impiega 250 persone in Italia. Alcune di queste dovranno andare a casa se il decreto del governo entrerà in vigore così com'è. Si fa viva, poi, l'Associazione delle Televisioni Digitali Indipendenti, che assicurano a Sky altri 50 canali. Francesco Nespega, il presidente, sottolinea che il governo toglie ossigeno ai canali indipendenti nel pieno di una delle più gravi crisi economiche.

    "E' Natale - nota invece il deputato del Pd, Paolo Gentiloni - e a Natale il governo vara sempre una riforma della tv sfruttando la disattenzione generale: nel 2003, salvò Rete4 dal trasferimento sul satellite; oggi prende di mira Sky. E lo fa usando lo strumento del decreto senza alcun confronto parlamentare". Roberto Rao (Udc) si chiede come mai il governo rinunci a battaglie ben più serie, "come il recupero dell'evasione del canone Rai", mentre Pancho Pardi (Idv) collega le leggi salva-premier sulla giustizia a quelle salva-Mediaset, sulla televisione.

    (16 dicembre 2009)
    "io sono drogato come chi beve il caff...anzi chi ne beve tre lo pi di me"




  5. #65
    Old Sage Member L'avatar di Marco
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    1,096
    Potere Reputazione
    12

    Predefinito

    [ame="http://www.youtube.com/watch?v=r9jfdG9l42w&feature=player_embedded"]YouTube- Milano 13 12 2009 il clima politico in italia PARTE 1 (la seconda è anche peggio...)[/ame]

    [ame="http://www.youtube.com/watch?v=NjKN98FKw6s&feature=channel"]YouTube- Milano 13 12 2009 il clima politico in italia PARTE 2[/ame]

    Nei due video che pubblichiamo di seguito potete vedere le contestazioni di domenica 13 dicembre al poco affollato comizio di Silvio Berlusconi, tenuto in un angolo di Piazza del Duomo a Milano. Le contestazioni sono esclusivamente verbali e, in più di un caso, a protestare contro il premier (o a sostenerlo) sono dei passanti impegnati nelle compere natalizie.
    Eppure gli esponenti della maggioranza e i media loro vicini hanno parlato di “300 violenti” e di collegamenti evidenti con Massimo Tartaglia, lo psicolabile protagonista della vergognosa aggressione al Presidente del consiglio. Un teorema che si poteva leggere con chiarezza a pagina 2 de Il Giornale di martedì 15 dicembre: “Quelli che lo hanno istigato ora liquidano l'attentatore come un pazzo. Ma in piazza c'erano altri 300 violenti come lui”.

    Allo stesso modo il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, e il parlamentare Pdl, Maurizio Lupi, sono arrivati a evocare gli anni di piombo: “Si sta ricreando in Italia il clima degli anni '70 – ha detto ieri Formigoni - non dimentichiamo che altre persone hanno minacciato e insultato durante il comizio". Ma ancora più preoccupate solo state le parole di Roberto Maroni: "Forse non sapete – ha detto in conferenza stampa il Ministro dell'Interno - che proprio grazie alla buona gestione dell'ordine pubblico ieri [domenica, ndr] durante il comizio è stato sventato un tentativo di violente contestazioni al premier proprio sotto il palco". Non solo. Il ministro ha anche rivelato che “un gruppo di manifestanti organizzati” si era “infiltrato fin sotto il palco grazie a bandiere di Fi” e che erano stati bloccati prima che riuscissero “ad esporre uno striscione violento”.

    È allora utile verificare cosa è successo domenica in quell'angolo di piazza Duomo, anche grazie ai video. In primo luogo, stando alla relazione dei servizi segreti al Copasir (il comitato parlamentare di controllo sull'attività degli 007), l'aggressore di Berlusconi avrebbe agito completamente da solo. In secondo luogo "lo striscione violento" di cui ha parlato il ministro Maroni, non esiste. Come riportato dal Fatto Quotidiano la scritta era la seguente: “Non c'è democrazia senza regole: rispettale”. Lo hanno confermato il prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi, e Piero Ricca, l'animatore di Qui Milano Libera che aveva portato lo striscione e poi non è riuscito ad aprirlo. Non solo. I video sui “violenti” in piazza, segnalatici da www.shockjournalism.com mostrano la dinamica dei fatti. La telecamera è tra i contestatori e le forze dell'ordine.

    Nel primo video i contestatori di Berlusconi, tutti a volto scoperto, scandiscono i loro cori: “Fuori la mafia dallo stato”; “Buffone”, “Chi non salta Berlusconi è”, "mafiosi, mafiosi". Rispondono i fan del cavaliere che li apostrofano come “Barboni”. Nel secondo video l'obiettivo si sposta sui militanti del Pdl. I cori, come in una sorta di clima da stadio, si fanno più pesanti: “Siete tutti culattoni”; “Comunista pezzo di merda” e anche uno sconcertante “Du-ce-du-ce”. Alcuni militanti del Pdl (pochi) si coprono pure il volto con le sciarpe, mentre qualcun altro cerca di scagliarsi, a urli, contro chi protesta.

    Le immagini spingono perciò a una riflessione. Autorizzare il comizio in una zona così piena di gente (le migliaia di passanti di piazza Duomo delle sei del pomeriggio), non è stata una grande trovata. Non per niente ai due fronti contrapposti si sono anche aggiunti molti cittadini che erano lì per caso. Meglio sarebbe stato spostare tutto in una delle tante piazze vicine, meno frequentate, e in ogni caso abbastanza capienti per contenere i fan di Berlusconi (non più di 1500 in tutto).

    Ma ovviamente di questo non parla nessuno. I sedicenti liberali della maggioranza si scagliano, invece, contro la libertà d'informazione e promettono leggi per censurare internet e limitare il diritto al dissenso. Perché, come aveva già capito Indro Montanelli, "Questa non è la destra. È il manganello".

  6. #66

    Predefinito

    la Rete, dunque, è oggetto delle attenzioni del governo. All'articolo 21, il decreto dice che il Garante delle Comunicazioni dovrà scrivere un regolamento sui servizi diffusi in "diretta continua su Internet" anche con la tecnica del livestreaming. Poi, sulla base di questo regolamento, il governo autorizzerà i servizi. Sembra di capire che dovranno ricevere una autorizzazione e l'iscrizione a un registro quei siti che vogliono trasmettere eventi, concerti, sport, manifestazioni in diretta via Internet. Vengono equiparati, dunque, a delle vere e proprie tv.
    EHHHH???
    Stanno scherzando spero...mi ride anche il culo...come pensano di impedire la libera trasmissione di eventi in streaming??
    Mah un decreto legge fatto da pagliacci e per pagliacci

    Comunque se mi toccano internet si che m'incazzo!!!

    Delle tv pubbliche o private me ne frega poco(giusto il fatto che il berlusca*la lettera minuscola è voluta* tenti di rafforzare il monopolio assoluto che già ha)
    Attila


    --- "Mobilis In Mobile" ---
    Sai, fortunatamente io rispetto un regime di droghe piuttosto rigido per mantenere la mente, diciamo, flessibile!----Il Drugo (The Dude)
    Stay hungry,stay foolish----Steve Jobs
    "If you live each day as if it was your last, someday you'll most certainly be right."----Steve Jobs

    "Guy Fawkes è stata l'unica persona ad essere mai entrata in parlamento con oneste intenzioni"

  7. #67
    Old Sage Member L'avatar di Edcm
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    1,185
    Potere Reputazione
    14

    Predefinito

    [ame="http://www.youtube.com/watch?v=Jz4u-l74sOQ"]YouTube- Berlusconi aggredito, Di Pietro attaccato - L'amore vince[/ame]

  8. #68

    Predefinito

    secondo me nn gli doveva tirare il sovenir del duomo MA un martello da 5kg.

  9. #69
    Old Sage Member L'avatar di Marco
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    1,096
    Potere Reputazione
    12

    Predefinito

    Il popolo dell'amore

    PREMESSA: Il capogruppo dei deputati del Pdl, Fabrizio Cicchitto, ieri ha spiegato in Parlamento che dal 1994 è in corso in Italia una campagna d’odio” contro Silvio Berlusconi. Fortunatamente il premier è intervenuto subito e dall’ospedale San Raffaele, dove è ricoverato dopo la vergognosa e ingiustificabile aggressione subita domenica sera, ha ricordato che "l’amore vince sull’odio”. Lo dimostrano, tra l’altro, le centinaia di interventi suoi e di esponenti del centrodestra che negli ultimi 15 anni sono sempre stati improntati al buon senso e alla moderazione. Ecco dunque una necessariamente breve antologia delle migliori frasi di quello che potrebbe essere chiamato il Partito dell’Amore

    Il bon ton con gli avversari

    "Veltroni è un coglione" (Berlusconi, 3/9/95).

    "Veltroni è un miserabile" (Berlusconi, 4/4/2000).

    "Giuliano Amato, l'utile idiota che siede a Palazzo Chigi" (Berlusconi, 21/4/2000).

    "Prodi? Un leader d'accatto (Berlusconi, 22/2/95).

    "La Bindi e Prodi sono come i ladri di Pisa: litigano di giorno per rubare di notte" (Berlusconi, 29/9/96).

    "Prodi è la maschera dei comunisti" (Berlusconi, 22/5/2003).

    "Prodi è un gran bugiardo pericoloso per tutti noi" (Berlusconi, 21/10/2006).

    “Prima delle elezioni ho potuto incontrare due sole volte in tv il mio avversario, e con soli due minuti e mezzo per rispondere alle domande del giornalista e alle stronzate che diceva Prodi” (Berlusconi alla scuola di formazione politica di Forza Italia, 2 luglio 2007)

    "Con Prodi a Palazzo Chigi è giusto dire: piove governo ladro" (Berlusconi, 10/4/2008).

    “Il centrosinistra? Mentecatti, miserabili alla canna del gas” (Berlusconi, 4/4/2000).

    "Signor Schulz, so che in Italia c’è un produttore che sta montando un film sui campi di concentramento nazisti. La suggerirò per il ruolo di kapò" (inaugurando la presidenza italiana dell’Unione europea e rispondendo a una domanda del capogruppo socialdemocratico, il tedesco Martin Schulz, sul conflitto d’interessi, 2 luglio 2003).

    "Sono in politica perché il Bene prevalga sul Male. Se la sinistra andasse al governo l’esito sarebbe questo: miseria, terrore, morte. Così come avviene ovunque governi il comunismo. Il premier durante il comizio di domenica a Milano

    ""Signora Bindi, devo dirle che mi fa piacere pèarlare con lei. E' più bella che intelligente (Berlusconi a "Porta a Porta")

    le perle degli altri “membri” del Partito dell’Amore

    Bossi: “O devoluzione o guerra” - “Senza la devoluzione, da qui possono partire ordini di attacco dal Nord. Ho dieci milioni di lombardi e veneti pronti a lottare per la libertà” (9 settembre 2007)

    Previti: ”Se vinciamo non faremo prigionieri” “Queste sono elezioni libere? In Sud America si mobilitano i generali, in Italia si usano i giudici. Se vinciamo questa volta non faremo prigionieri» (14 aprile 1996)

    Sgarbi: “Il giudice Caselli provoca morti” “Gian Carlo Caselli è una vergogna della magistratura, siamo in pieno fascismo (...). I suoi atti giudiziari hanno portato alla morte” (16 settembre 1994)

    La voce del Padrone

    Gasparri: ”Santoro e Vauro sono due sciacalli” “Santoro e Vauro sono due volgari sciacalli che vomitano insulti con le tasche piene di soldi dei cittadini. Gente così alimenta odio e merita solo disprezzo” (13 febbraio 2009)

    La fiducia nella democrazia

    "Si è messo mano all’arma dei processi politici per eliminare l’opposizione democratica. Non siamo più una democrazia, ma un regime. Da oggi la nostra opposizione cessa di essere opposizione a un governo e diventa opposizione a un regime" (Berlusconi, dopo una condanna in primo grado tangenti, 8/8/98).

    “La libertà non si può più conquistare in Parlamento, ma con uomini lanciati in una lotta di liberazione. Senza la devoluzione, da qui possono partire ordini di attacco dal Nord. Io sono certo di avere dieci milioni di lombardi e veneti pronti a lottare per la libertà” (Umberto Bossi al “parlamento padano”, presente Berlusconi, Ansa, 29/9/2007).

    "Boicotteremo il Parlamento, abbandoneremo l’aula, se necessario daremo vita a una resistenza per riconquistare la libertà e la democrazia” (Berlusconi, 3/3/95).

    "In Italia c’è uno Stato manifesto, costituito dal governo e dalla sua maggioranza in Parlamento, e c’è uno Stato parallelo: quello organizzato in forma di potere dalla sinistra nelle scuole e nelle università, nel giornalismo e nelle tv, nei sindacati e nella magistratura, nel Csm e nei Tar, fino alla Consulta. Se si consentirà a questo Stato occulto di unirsi allo Stato palese, avremo in Italia un regime vendicativo e giustizialista, mascherato di legalità e ostile a tutto ciò che è privato" (Berlusconi, 5/4/2005).

    "Adesso diranno che offendo il Parlamento ma questa é la pura realtà: le assemblee pletoriche sono assolutamente inutili e addirittura c o n t ro p ro d u c e n t i " . (Berlusconi, 21/5/2009)

    Il galateo istituzionale

    “Il presidente Scalfaro è un serpente, un traditore, un golpista” (Berlusconi, La Stampa, 16/1/95).

    "Altro che impeachment! Scalfaro andrebbe processato davanti all’Alta Corte per attentato alla Costituzione. E di noi due chi ha maneggiato fondi neri non sono certo io. D’altra parte, Scalfaro da magistrato ha fatto fucilare una persona invocandone contemporaneamente il perdono cristiano. Bè, l’uomo è questo! Ha instaurato un regime misto di monarchia e aristocrazia ” (Berlusconi 18/1/95).

    "Io non sono in contrasto con il capo dello Stato, non ne ho nessun motivo, anzi sono un suo sostenitore convinto. Ho con lui un rapporto molto cordiale" (Berlusconi, 28/2/95).

    "Ma vaffanculo!" (Berlusconi, accompagnando l’insulto con un gesto della mano, mentre il presidente emerito Scalfaro denuncia in Senato il «servilismo» della politica estera del suo governo nei confronti degli Usa sull’Iraq, 27/9/2002).

    "Italia vaffanculo" (Tre eurodeputati leghisti, commentando in aula a Strasburgo l'intervento del presidente Carlo Azeglio Ciampi, 5/7/05).

    "Questi signori, che hanno vinto delle elezioni taroccate, hanno arrogantemente messo le mani sulle istituzioni: il presidente della Repubblica è uno di loro" (Berlusconi, riferendosi al presidente, Giorgio Napolitano, 21/10/06).

    Il rispetto per gli elettori

    “Lei ha una bella faccia da stronza! ”(alla signora riminese Anna Galli, che lo contestava, 24/7/ 2003)

    .“Non credo che gli elettori siano così stupidi da affidarsi a gente come D’Alema e Fassino, a chi ha una complicità morale con chi ha fatto i più gravi crimini come il compagno Pol Pot” (Berlusconi, 14 dicembre 2005).

    "Ho troppa stima dell'intelligenza degli italiani per pensare che ci siano in giro così tanti coglioni che possano votare facendo il proprio disinteresse" (discorso di Berlusconi davanti alla Confcommercio il 4/4/2006).

    “Le nostre tre “I”: inglese, Internet, imprese. Quelle dell’Ulivo: insulto, insulto e insulto” (27/5/2004).

    La sacralità delle toghe

    “I giudici sono matti, antropologicamente diversi dal resto della razza umana... Se fai quel mestiere, devi essere affetto da turbe psichiche” (Berlusconi, The Spectator, 10/9 2003).

    “In tutti i settori ci possono essere corpi deviati. Io ho una grandissima stima per la magistratura, ma ci sono toghe che operano per fini politici. Sono come la banda della Uno bianca” (Berlusconi, dopo l’arresto del giudice Renato Squillante, 14/5/96. Ma il riferimento è per quelli che l’hanno arrestato).

    “I Ds sono i mandanti delle toghe rosse. Noi non attacchiamo la magistratura, ma pochi giudici che si sono fatti braccio armato della sinistra per spianare a questa la conquista del potere ” (Berlusconi, 1/12/99).

    “I giudici di Mani Pulite vanno arrestati, sono un’associazione a delinquere con licenza di uccidere che mira al sovvertimento dell’ordine democratico” (Vittorio Sgarbi, “Sgarbi quotidiani”, Canale5, 16/9/94)

    .“Gian Carlo Caselli è una vergogna della magistratura italiana, siamo ormai in pieno fascismo: si comporta come un colonnello greco, in modo dittatoriale, arbitrario, intollerante. I suoi atti giudiziari hanno portato alla morte” (Vittorio Sgarbi, 8/12/94).

    (da Peter Gomez e Marco Travaglio - Il Fatto del 16-12-09)

  10. #70

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da erba.di.casa.mia... Visualizza Messaggio



    alla luce di quanto si è detto e sentito ieri sera tra porta aporta , l'infedele e i vari tg ..
    e dopo aver letto un po di roba sul popolo viola, sono arrivato alle mie personali conclusioni ...
    in base alle quali io personalmentecancellerei anche questo topic .....

    adesso vi racconto una storia ....

    un bel giorno un tipo che era diventato premier grazie all'aiuto della mafia ,
    e dopo aver tentato di modificare piu volte la costituzione a suo favore ,
    vede minacciato il suo enorme castello di carte dalla stessa mafia , dai pochi politci rimasti onesti , e da un nutrito gruppo di italiani che sembrano essersi uniti spontaneamente mediante la rete , per manifestare contro di lui .....
    allora comincia a straparlare e a sputare veleno su chiunque ...
    poi un bel giorno , dopo aver tentato in tutti i modi di fuorviare l'opinione pubblica mediante scandali trasversali , corruzzioni ed ingiurie , decide di inscenare una bella fiction ...
    dopotutto lui è il re delle fiction ...
    è attraverso le sue tv ed il cntrollo di quella di stato che controlla l'informazione e che rimbambisce la gente accaparrandosi stima e voti .....

    all'ora ordina ad uno dei suoi tanti scagnozzi di rimediare un povero pscolabile ...
    questo dietro lauto compenso lo colirà al volto in mezzo alla folla dopo il suo ennesimo comizio
    denigratorio nei confronti di tutti quelli che gli danno contro ..
    il tipo fa il suo lavoro, viene preso e dichiara di odiare lavittima ed il suo partito ...
    per giorni non si parla d'altro nel paese e non si perde occasione per accusare ogni parte avversa di essere mandante di tale atto condanato da tutta la gente con una normale coscenza ...
    e si coglie l'occasione per criminalizzare la rete ed i veri nemici del politico ... i cittadini onesti ..

    poi l'aggressore si scusa pubblicamente , non viene neanche denunciato ma altresi perdonato
    dal magnanimo politico vittima e martire santificato dal popolo ...
    in questo modo guadagnerà popolarità e voti ....


    nel frattempo il suo governo despota ne approfitta per imbavagliare la rete e perseguire tutti coloro che la pensano diversamente da lui ....
    Come non quotare...secondo me è andata proprio così...e poi un'altra cosa, ma perchè una volta portato all'ospedale ci è rimasto tutti questi giorni senza farsi vedere da nessuno?? Forse perchè era tutto architettato ad hoc e sul volto non aveva nessun segno?? è uscito solo oggi dall'ospedale e per di più con tutta la faccia incerottata in modo tale che nessuno potrà vederne i segni dell'aggressione.....e neanche fra qualche giorno perchè il nostro caro presidente del consiglio ha già prenotato una bella plastica facciale in svizzera dove una volta uscito nessuno potrà più verificare i segni e i lividi che dice di aver avuto in faccia....ma per favore......appunto perchè non ha mai avuto nessun ematoma dice che andrà in svizzera a farsi rifare il volto....hahahah....certo che se ne inventano di tutti i colori pur di rimanere in parlamento....IT'S INCREDIBLE!!

    E vissero tutti felici e contenti.....
    "Un terzo di ci che mangiamo serve a sopravvivere, due terzi a far lavorare i medici"

Pagina 7 di 9 PrimaPrima 123456789 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •