Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 20 di 20

Discussione: auguri a tutte le donne growers...buon 8 marzo!!

  1. #11
    Old Sage Member L'avatar di Crapuzza
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Messaggi
    2,528
    Potere Reputazione
    12

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da drlecter Visualizza Messaggio
    ho sempre avuto un certo fastidio per la festa della donna. Perchè?
    Anche questa sera, per l'ennesima volta, andrà in scena vicino al mio paesello il più triste degli spettacoli.
    In una nota "balera" non lontano da dove abito arriveranno come ogni anno intere pulmanate di ridicole quanto patetiche ultra quarantacinquenni addobbate nei loro vergognosi abiti che in genere sono o sgargianti, corti, stretti e aderenti all'inverosimile che creano quell'indecoroso "effetto insaccato", oppure lunghi e neri che indossati apposta per smagrire e nascondere le abbondanze dovute al passare degli anni, finiscono puntualmente a rappresentare l'effetto "monaca di Monza". Non mi soffermo nei dettagli dei rossetti e dei profumi abusati per l'occasione.
    Solitamente sbronze fino al midollo si gettano all'impazzata nella mischia della sala da ballo ed in preda per la maggiorparte agli squilibri ormonali portati dalla menopausa incipiente si avventano come belve fameliche su quei poveri malcapitati che data la loro inevitabile minoranza numerica per la serata soccombono miseramente stritolati dalle insaziabili ninfomani per un giorno.
    La sofferenza di questi poveretti è però breve e vengono gettati come inutili stracci vecchi quando la serata arriva al suo clou: lo strip.
    Il momento topico sembra essere arrivato e finalmente è il momento di coronare il desiderio di un anno intero e di dare un senso alla trasferta ed al prezzo del biglietto.
    Quando entrano i lampadati e palestratissimi "ballerini" (quasi sempre sud-americani) il grido isterico di emozione si eleva al massimo grado e le sudatissime tardone sentono l'adrenalina pulsare fino alle zone innominabili. I pensieri più sconci e le voglie più turpi represse per troppo tempo sembrano trovare sfogo tutte insieme almeno una volta e la mandria ormai incontenibile intona i cori dei più volgari tipo: "faccelo vedè, faccelo toccà".
    I ragazzi (ai quali va tutta la mia solidarietà) purtroppo si rendono conto soltanto ora in che guaio si sono cacciati ma ormai è troppo tardi per scappare e quando è il momento di strapparsi i pantaloni tenuti assieme col velcro lo fanno da veri professionisti pensando ai pomeriggi passati a sfondarsi gli addominali.
    A questo punto deve quasi sempre intervenire la security del locale (che è stato simpaticamente ribbattezzato dai ragazzi "l'ossario") per sedare le pulsioni oscene delle signore agè che davanti a quei glutei scolpiti e perfettamente depilati evidenziati dai tanga perdono quel briciolo di inibizione residua e si avventano su quei "pezzi di carne di porco" destinata al macello litigandoseli come se si potesse strapparne un brandello per portarlo a casa come ricordo della meravigliosa serata.



    L'unica cosa che mi solleva da tanta tristezza è il pensiero dell'immagine fantozziana dei mariti che dopo tanto tempo finalmente hanno la serata libera ma soprattutto la casa libera e con un bel birrozzo godono di quel raro momento di spensieratezza sulla poltrona o sul divano scoreggiando sotto al plaid padroni del telecomando si guardano la partita o l'ultimo film di Bruce Willis.
    quoto!
    non mi fido degli uomini.. mi fido degli ideali..

  2. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da drlecter Visualizza Messaggio
    ho sempre avuto un certo fastidio per la festa della donna. Perchè?
    Anche questa sera, per l'ennesima volta, andrà in scena vicino al mio paesello il più triste degli spettacoli.
    In una nota "balera" non lontano da dove abito arriveranno come ogni anno intere pulmanate di ridicole quanto patetiche ultra quarantacinquenni addobbate nei loro vergognosi abiti che in genere sono o sgargianti, corti, stretti e aderenti all'inverosimile che creano quell'indecoroso "effetto insaccato", oppure lunghi e neri che indossati apposta per smagrire e nascondere le abbondanze dovute al passare degli anni, finiscono puntualmente a rappresentare l'effetto "monaca di Monza". Non mi soffermo nei dettagli dei rossetti e dei profumi abusati per l'occasione.
    Solitamente sbronze fino al midollo si gettano all'impazzata nella mischia della sala da ballo ed in preda per la maggiorparte agli squilibri ormonali portati dalla menopausa incipiente si avventano come belve fameliche su quei poveri malcapitati che data la loro inevitabile minoranza numerica per la serata soccombono miseramente stritolati dalle insaziabili ninfomani per un giorno.
    La sofferenza di questi poveretti è però breve e vengono gettati come inutili stracci vecchi quando la serata arriva al suo clou: lo strip.
    Il momento topico sembra essere arrivato e finalmente è il momento di coronare il desiderio di un anno intero e di dare un senso alla trasferta ed al prezzo del biglietto.
    Quando entrano i lampadati e palestratissimi "ballerini" (quasi sempre sud-americani) il grido isterico di emozione si eleva al massimo grado e le sudatissime tardone sentono l'adrenalina pulsare fino alle zone innominabili. I pensieri più sconci e le voglie più turpi represse per troppo tempo sembrano trovare sfogo tutte insieme almeno una volta e la mandria ormai incontenibile intona i cori dei più volgari tipo: "faccelo vedè, faccelo toccà".
    I ragazzi (ai quali va tutta la mia solidarietà) purtroppo si rendono conto soltanto ora in che guaio si sono cacciati ma ormai è troppo tardi per scappare e quando è il momento di strapparsi i pantaloni tenuti assieme col velcro lo fanno da veri professionisti pensando ai pomeriggi passati a sfondarsi gli addominali.
    A questo punto deve quasi sempre intervenire la security del locale (che è stato simpaticamente ribbattezzato dai ragazzi "l'ossario") per sedare le pulsioni oscene delle signore agè che davanti a quei glutei scolpiti e perfettamente depilati evidenziati dai tanga perdono quel briciolo di inibizione residua e si avventano su quei "pezzi di carne di porco" destinata al macello litigandoseli come se si potesse strapparne un brandello per portarlo a casa come ricordo della meravigliosa serata.



    L'unica cosa che mi solleva da tanta tristezza è il pensiero dell'immagine fantozziana dei mariti che dopo tanto tempo finalmente hanno la serata libera ma soprattutto la casa libera e con un bel birrozzo godono di quel raro momento di spensieratezza sulla poltrona o sul divano scoreggiando sotto al plaid padroni del telecomando si guardano la partita o l'ultimo film di Bruce Willis.
    quoto anche io :-)
    Se per ogni "vorrei" avessimo alzato il culo, ora saremmo a 100 km da quello che siamo e ad un passo da quello che desideriamo.
    (Tumblr)

  3. #13

    Predefinito

    ahahaha lecter m'hai fatto morì!!
    I may not be familiar with how the country run, look how them fighting sensimilla making way for coke to come.

    #'Cause one spliff a day keep di Evil away!

  4. #14

    Predefinito

    complimenti dr le tue doti di scrittore comico vanno osannate!

    Solitamente sbronze fino al midollo si gettano all'impazzata nella mischia della sala da ballo ed in preda per la maggiorparte agli squilibri ormonali portati dalla menopausa incipiente si avventano come belve fameliche su quei poveri malcapitati che data la loro inevitabile minoranza numerica per la serata soccombono miseramente stritolati dalle insaziabili ninfomani per un giorno.
    qui in particolare avevo gli occhi lucidi
    "My Country is the world and my religion is to be good"

    Ogni riferimento a fatti, persone e cose nei miei testi è puramente immaginario e/o casuale. Le foto sono prese da archivi pubblici online, qualsiasi argomento da me trattato è da considerarsi a titolo informativo ovvero scambio di idee per nulla atte a promuovere azioni illegali.

  5. #15

    Predefinito

    Grazie a tutti del pensiero anche se mi trovo in parte daccordo con Drlecter.
    Evidentemente proprio per il passato di maschilismo che ci portiamo dietro da secoli e secoli, la donna ha fatto crescere sempre più il bisogno di mettersi e sentirsi alla pari dell'uomo, inconsapevolmente anche nelle più squallide ideologie o azioni.
    Nella festa della donna lo dimostrano le seratine a base di strip maschili....che sono squallide visto anche il motivo per cui si ricorda l'8 marzo.
    Ma purtroppo la nostra società è piena di ignoranza e sembra che al popolo interessi solo stare a galla, tra la folla, fregandosene di quello che la vita di più importante dà...responsabilità e valori.
    Per fortuna come ogni cosa non possiamo fare di tutta l'erba un fascio.
    La donna ha lottato tanto ed è obbligata a lottare tuttora per la sua indipendenza, ostacolata da sempre dall'uomo. Per questo può far ancora tanto piacere ricevere un fiore, un messaggio, un sorriso o un augurio da parte vostra.
    # LEGALIZZIAMOLACANAPA.ORG movimento di liberazione
    # ENJOINT pace amore legalizzazione

  6. #16
    Old Sage Member L'avatar di flasensi
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    6,318
    Potere Reputazione
    24

    Predefinito

    mi permetto di dire una cosa anche io su questa festa
    che festeggiata cosi come è adesso è abbastanza stupido.
    si stupido, e sapete il perche?
    se chiedete a 100 ragazze da 0 anni a 25/30 perchè esiste questa festa
    la risposta sarà "non lo so"

    grande dr ottimo scritto.
    prevenzione = parola d ordine!

    tessera ASCIA n 43.

  7. #17
    Old Sage Member L'avatar di flasensi
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    6,318
    Potere Reputazione
    24

    Predefinito

    gia che ci sono.

    giovedì 8 marzo 2007

    PERCHE' ESISTE LA FESTA DELLA DONNA?




    L'origine della festa dell'8 Marzo risale al 1908, quando un gruppo di operaie di una industria tessile di New York scioperò come forma di protesta contro le terribili condizioni in cui si trovavano a lavorare.Lo sciopero proseguì per diverse giornate ma fu' proprio l'8 Marzo che la proprietà dell'azienda bloccò le uscite della fabbrica, impedendo alle operaie di uscire dalla stessa.Un incendio ferì mortalmente 129 operaie, tra cui anche delle italiane, donne che cercavano semplicemente di migliorare la propria qualità del lavoro.Tra di loro vi erano molte immigrate, tra cui anche delle donne italiane che, come le altre, cercavano di migliorare la loro condizione di vita.
    L'8 marzo assunse col tempo un'importanza mondiale, diventando il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli e il punto di partenza per il riscatto della propria dignità. L'8 Marzo è quindi il ricordo di quella triste giornata.Non è una "festa" ma piuttosto una ricorrenza da riproporre ogni anno come segno indelebile di quanto accaduto il secolo scorso.
    ...ora siamo a conoscenza del perchè di questo giorno di festa per le donne e possiamo far si che non sia solo un giorno di consumismo per noi uomini e per i regali che facciamo alle donne...
    prevenzione = parola d ordine!

    tessera ASCIA n 43.

  8. #18
    Old Sage Member L'avatar di Fumosan
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    domumia
    Messaggi
    5,145
    Potere Reputazione
    29

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da drlecter Visualizza Messaggio
    ho sempre avuto un certo fastidio per la festa della donna. Perchè?
    Anche questa sera, per l'ennesima volta, andrà in scena vicino al mio paesello il più triste degli spettacoli.
    In una nota "balera" non lontano da dove abito arriveranno come ogni anno intere pulmanate di ridicole quanto patetiche ultra quarantacinquenni addobbate nei loro vergognosi abiti che in genere sono o sgargianti, corti, stretti e aderenti all'inverosimile che creano quell'indecoroso "effetto insaccato", oppure lunghi e neri che indossati apposta per smagrire e nascondere le abbondanze dovute al passare degli anni, finiscono puntualmente a rappresentare l'effetto "monaca di Monza". Non mi soffermo nei dettagli dei rossetti e dei profumi abusati per l'occasione.
    Solitamente sbronze fino al midollo si gettano all'impazzata nella mischia della sala da ballo ed in preda per la maggiorparte agli squilibri ormonali portati dalla menopausa incipiente si avventano come belve fameliche su quei poveri malcapitati che data la loro inevitabile minoranza numerica per la serata soccombono miseramente stritolati dalle insaziabili ninfomani per un giorno.
    La sofferenza di questi poveretti è però breve e vengono gettati come inutili stracci vecchi quando la serata arriva al suo clou: lo strip.
    Il momento topico sembra essere arrivato e finalmente è il momento di coronare il desiderio di un anno intero e di dare un senso alla trasferta ed al prezzo del biglietto.
    Quando entrano i lampadati e palestratissimi "ballerini" (quasi sempre sud-americani) il grido isterico di emozione si eleva al massimo grado e le sudatissime tardone sentono l'adrenalina pulsare fino alle zone innominabili. I pensieri più sconci e le voglie più turpi represse per troppo tempo sembrano trovare sfogo tutte insieme almeno una volta e la mandria ormai incontenibile intona i cori dei più volgari tipo: "faccelo vedè, faccelo toccà".
    I ragazzi (ai quali va tutta la mia solidarietà) purtroppo si rendono conto soltanto ora in che guaio si sono cacciati ma ormai è troppo tardi per scappare e quando è il momento di strapparsi i pantaloni tenuti assieme col velcro lo fanno da veri professionisti pensando ai pomeriggi passati a sfondarsi gli addominali.
    A questo punto deve quasi sempre intervenire la security del locale (che è stato simpaticamente ribbattezzato dai ragazzi "l'ossario") per sedare le pulsioni oscene delle signore agè che davanti a quei glutei scolpiti e perfettamente depilati evidenziati dai tanga perdono quel briciolo di inibizione residua e si avventano su quei "pezzi di carne di porco" destinata al macello litigandoseli come se si potesse strapparne un brandello per portarlo a casa come ricordo della meravigliosa serata.



    L'unica cosa che mi solleva da tanta tristezza è il pensiero dell'immagine fantozziana dei mariti che dopo tanto tempo finalmente hanno la serata libera ma soprattutto la casa libera e con un bel birrozzo godono di quel raro momento di spensieratezza sulla poltrona o sul divano scoreggiando sotto al plaid padroni del telecomando si guardano la partita o l'ultimo film di Bruce Willis.
    Affronta qualunque cosa stressante come un cane...Se non puoi mangiarla o giocarci.semplicemente pisciaci sopra e passa oltre!!!...

  9. #19
    Super Moderator L'avatar di jaco
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    6,386
    Potere Reputazione
    23

    Predefinito

    Eh...la saggezza del nostro doc!
    Sarà che sono un nostalgico ma, ancora una volta, vedo come fossero avanti i romani "semel in anno licet insanire" e in un paese allo sfascio da decenni gli eccessi e lo sfruttamento dell'idiozia collettiva fanno proliferare gli aspetti grotteschi della natura umana.
    "Il saggio parla perché ha qualcosa da dire. Lo sciocco perché ha da dire qualcosa."

  10. #20

    Predefinito

    ahauhauahauahuahuah doc mi fai morì così!!! ma braaaavoooo!!! :D

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •