Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 16 di 16

Discussione: Aumenta ancora il prezzo dei tabacchi

  1. #11
    Old Sage Member L'avatar di drlecter
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    6,926
    Potere Reputazione
    27

    Predefinito

    IL TABAGISMO E LE CONTRADDIZIONI DELLO STATO.

    13 feb 2012

    Da anni in Italia, ma non solo, lo Stato è intervenuto nella lotta al tabagismo con campagne di sensibilizzazione promosse dal Ministero della salute, con messaggi shock sui pacchetti di sigarette (il fumo uccide, il fumo provoca il cancro,il fumo provoca gravi malattie cardiovascolari), vietando di fumare nei locali pubblici, aumentando spesso il prezzo delle sigarette ed elevandolo a livelli davvero proibitivi.
    Tutte operazioni volte a ridimensionare, si dice, ciò che erroneamente viene definito il vizio del fumo, che in realtà è una tossicodipendenza ma non viene trattata come tale.
    Chi produce e commercializza in Italia sigarette, sigari, tabacco, è il monopolio di Stato, gestito dal Ministero dell’economia e delle finanze, che da quest’attività trae grande profitto; se davvero lo Stato si preoccupasse della salute dei cittadini e delle ripercussioni sociali prodotte da questa forma di dipendenza molto diffusa che paga l’intera comunità, potrebbe intervenire con azioni più incisive e definitive rispetto a quelle fin qui praticate che hanno dimostrato di non sortire gli effetti sperati.
    Esiste una legge dello Stato che impone la produzione di prodotti nocivi alla salute dei cittadini ? C’è qualcosa, a prescindere dal grande business dello Stato, che possa impedire di continuare a produrre un acclarato strumento di morte ? Perché il tabagismo, che per autorevole affermazione d’insigni scienziati, è una forma di dipendenza alla stessa stregua di alcolismo ed assunzione di sostanze stupefacenti, viene consentito ? E’ legittimo pensare che lo Stato si contraddica ed appaia ambiguo in funzione di cospicui interessi che ruotano attorno alla dipendenza del tabacco ?
    Oltretutto, se il tabagismo fosse veramente un vizio e non una forma di dipendenza, quantomeno per l’incidenza economica che ha per le tasche dei fumatori,anche i più incalliti avrebbero smesso, ma purtroppo si tratta di qualcosa che è più difficile da curare, la dipendenza, appunto, così come si è detto.
    E se lo Stato avesse il monopolio della produzione di droghe, ne legalizzerebbe l’uso ?

    http://www.radiortm.it/2012/02/13/il...ne-di-ballaro/


    @drlecter44

  2. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da drlecter Visualizza Messaggio
    IL TABAGISMO E LE CONTRADDIZIONI DELLO STATO.


    E se lo Stato avesse il monopolio della produzione di droghe, ne legalizzerebbe l’uso ?

    http://www.radiortm.it/2012/02/13/il...ne-di-ballaro/
    certo, lo fà già con tabacco ed alcool



    (cit.) it's a craaaazy situatiooonnnn but all i need are cigarettes and alcohol
    Citazione Originariamente Scritto da Stoogots Visualizza Messaggio
    Sapevo che quei semi erano in buone mani

    ho ancora in mente la faccia di Grammo quando gli hai detto che le cime che avevi portato da Tanito erano il frutto di una 250W
    Citazione Originariamente Scritto da FiliMagno Visualizza Messaggio
    L'ARGILLA ESPANSA E' UN PESSIMO AMMENDANTE ...SONO ANNI CHE LO DICO !!!!!

  3. #13

    Predefinito

    Oh ma lo sapete che quella immagine all'inizio mi ha aiutato davvero? Capperi, sono sei giorni che non fumo sigarette (mai resistito più di due ore). Niente. Ovviamente la nostra amata non può mancare, però ho chiuso con le siga. Mi sono veramente stufato. Il problema sorgerà seriamente quando fiinirò le scorte!!
    Herbalist, high grade specialist...

  4. #14
    Old Sage Member L'avatar di drlecter
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    6,926
    Potere Reputazione
    27

    Predefinito

    Fumatori più vulnerabili alle malattie

    Secondo una recente ricerca condotta da un team di studiosi della Ohio State University il fumo uccide i batteri “buoni” del cavo orale e favorisce l’inserimento degli agenti patogeni.



    - Andrea Centini – 17 Febbraio 2012 – Sui danni provocati alla salute dal fumo si è detto praticamente di tutto ed è acclarato che questa diffusa e scorretta pratica non fa bene al nostro organismo e a quello delle persone vicine.

    I dati, che sembrano non interessare 11 milioni di fumatori italiani (21% della popolazione) e le persone che “decidono”, parlano da soli: in Italia muoiono ogni anno 90 mila persone per malattie correlate al vizio del tabacco di cui 1.000 per il fumo passivo, 1/3 delle morti per cancro è correlato al fumo ed ogni 6-7 decessi ve n’è uno provocato da questo fattore. Si stima che nel 2030 ogni anno moriranno nel mondo 10 milioni di persone per il fumo -oggi sono 4 milioni- e le già ingentissime spese per farmaci e cure saliranno a cifre folli. Se si considera che la prima sigaretta arriva in età sempre più precoci ed in taluni casi è associata all’uso di alcol e/o droghe, ci troviamo innanzi ad un fenomeno sociale estremamente preoccupante che non è mai troppo pubblicizzato.

    Nuovi dati interessanti relativi ai danni provocati dal fumo sono emersi da una recente ricerca condotta da studiosi della Ohio State University, coordinati dal professor Kumar Purnima docente di Paradontologia presso l’istituto americano. Nel nostro cavo orale, sin dalle prime ore dopo la nascita, prolifera un cosiddetto biofilm -una pellicola- di batteri sani con il quale conviviamo per il resto della vita.

    Nella bocca in salute di un non fumatore l’ecosistema batterico è perfettamente in equilibrio con l’organismo, ma in un fumatore esso è molto più disordinato ed è suscettibile all‘invasione di agenti patogeni, che proliferano più velocemente di quando aggrediscono un biofilm sano. “La bocca del fumatore espelle i batteri buoni e favorisce l’inserimento di quelli cattivi”, ha sottolineato il professor Purnima ai margini di una conferenza. “Se facciamo il paragone dell’ecosistema batterico presente nel biofilm con un prato -prosegue il docente- quello di un non fumatore è verde e lussureggiante, quello di un fumatore è caotico, pieno di erbacce e piante morenti”.

    I ricercatori hanno sottoposto 30 volontari (15 fumatori sani e 15 non fumatori sani) ad una pulizia professionale del cavo orale ed esaminato la ricrescita dell’ecosistema batterico, attraverso il prelievo di tamponi gengivali ad uno, quattro e sette giorni dalla pulizia. In poco tempo nella bocca dei non fumatori si è ricostituito un ecosistema stabile composto da poche specie batteriche utili e floride, inoltre si è evidenziato un basso tasso di citochine, molecole proteiche prodotte dall’organismo per combattere le infezioni (il biofilm non veniva interpretato come una minaccia dal sistema immunitario). Al contrario, nella bocca dei fumatori non solo le comunità batteriche impiegavano più tempo per stabilizzarsi, ma quando lo facevano erano ricche di agenti patogeni -responsabili di varie malattie del cavo orale- e venivano prodotti alti livelli di citochine. Il dato più interessante emerso dai tamponi è quello che il sistema immunitario dei fumatori non solo tentava di aggredire i numerosi agenti patogeni, ma anche i batteri utili che si trovano nei biofilm sani.

    Secondo il professor Purnima questo dato dovrebbe spingere i dentisti ad utilizzare pulizie professionali più incisive e ad hoc per i fumatori, oltre che suggerire ai propri pazienti di smetterla col fumo e di accompagnarli nel difficoltoso processo, “cosa che purtroppo molto spesso non avviene”, indica il ricercatore. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Infection and Immunity e sottolinea l’ennesimo dato negativo legato al vizio del fumo. Perché non smettere finché si è in tempo?

    Secondo una ricerca statistica italiana chi fuma sino ai 75 anni ha il 16% di probabilità in più di morire per cancro ai polmoni, chi smette a 60 anni l’8% e chi smette a 40 il 4%. Dati proporzionali che dovrebbero far riflettere sulla necessità di proseguire nella dannosissima pratica.

    http://www.articolotre.com/2012/02/f...malattie/63178


    @drlecter44

  5. #15
    Old Sage Member L'avatar di drlecter
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    6,926
    Potere Reputazione
    27

    Predefinito

    I cospiratori del tabacco

    25 febbraio 2012



    Se siete convinti che si fuma perche' e' piacevole, cambiate pagina. Non avete nulla da guadagnare in cio' che leggerete in seguito. Ma puo' darsi che siate curiosi di sapere perche' le persone fumano e perche e' cosi difficile per loro smettere. Di sapere perche' alcuni fra questi dovranno morire. E vogliate comprendere perche' tutto questo sembra molto normale. Per saperlo occorre entrare nella sala macchine della piu' grande impresa di ingegneria del consenso che sia mai stata concepita. E' un'impresa complicata. E' un insieme di uomini e istituzioni divenuti ingranaggi di un sottile meccanismo, in grado di infiltrarsi nella cultura e nelle scienze, di stravolgere la medicina e di corrompere a tutti i livelli. E per condurvi in questo dedalo. Robert Prroctor vi portera'' per mano.
    Robert Proctor, 57 anni, non e' ne' un cospiratore ne' un igienista estremo. Storico delle scienze, professore alla prestigiosa Universita' di Stanford, in California, e' l'autore di “Golden Holocaust”, un libro che e' uscito in questi giorni in Usa che fa un'accurata inchiesta sull'industria americana del tabacco. Al punto tale che quest'ultima ha fatto ricorso a tutte le vie legali per cercare di metter mano sui manoscritti prima della loro pubblicazione. Senza successo.
    Cosa c'e' di tanto eclatante in queste 750 pagine che hanno preoccupato giganti come RJ Reynolds o Philip Morris? Ci sono le loro parole. Loro piccoli e grandi segreti, racchiusi nelle memorie e nei messaggi interni, nei rapporti confidenziali, nei rendiconto delle ricerche dei loro chimici, dei loro medici. Il fatto e' poco conosciuto: questa preziosa ed esplosiva documentazione -i “tobacco documents”- e' pubblica dalla fine degli anni '90. Nel 1998, il Master Settlement Agreement, che raccoglie le procedure portate avanti da 46 Stati americani contro il fumo non include una componente finanziaria (il versamento di 250 miliardi di Usd -180 miliardi di euro- rateizzati in due decenni) ma ordina di rendere pubblici tutti i segreti dell'industria.

    INFILTRAZIONE

    Milioni di documenti, relativi a piu' di cinquanta anni, sono stati trasferiti dai quartieri generali delle aziende del tabacco all'Universita' della California di San Francisco, incaricata di costruire la “Legacy Tobacco Documents Library, e di mettere tutto sul Web. Tredici milioni di documenti, cioe' piu' di 79 milioni di pagine, sono gia' classificati e quasi ogni giorno se ne aggiungono dei nuovi. E' grazie a questi archivi che “Golden Holocaust” cerca di raccontare una storia globale della sigaretta. Robert Proctor ha spulciato i “tobacco documents” per piu' di dieci anni. Roba da divenirne paranoici. Tra mille altre cose, ha scoperto che il professore che lo ha reclutato a Stanford, da diversi anni, aveva un rapporto segreto con i giganti del tabacco. Il nostro ha anche compreso perche' una delle sue domande di finanziamento era stata rifiutata dalla National Science Foundation (principale agenzia federale di finanziamento della ricerca americana): chi esaminava le domande aveva ricevuto soldi dalle aziende del tabacco...
    Tutto il tempo trascorso sui “tobacco documents” e' servito a giungere alle medesime conclusioni. Gli esperti dell'Organizzazione Mondiale della Sanita' (OMS) hanno steso un rapporto esplosivo di 260 pagine, pubblicato a luglio del 2000, che mostra come le aziende del tabacco si erano infiltrate nelle loro organizzazioni grazie ad associazioni di paravento o scienziati segretamente pagati da esse. Il tutto per mettere i bastoni fra le ruote a possibili politiche di controllo sul tabacco. A margine delle iniziative prese nel 1999 dall'amministrazione Clinton, in parte basate sui “documents”, i procuratori federali sono arrivati alla conclusione che le aziende americane del tabacco hanno “organizzato e messo in atto per mezzo secolo -e continuato a organizzare e mettere in atto- un vasto complotto per ingannare il pubblico”.

    5,5 MILIONI DI MORTI OGNI ANNO

    I primi numeri sul fumo sono colossali. Ogni anno il fumo uccide piu' del paludismo, piu' dell'Aids, piu' della guerra, piu' del terrorismo. E oltre la somma di questi e quattro. Piu' di cinque milioni e mezzo di vite che vengono meno prematuramente ogni anno. Cento milioni di morti nel XX secolo; e senza dubbio un miliardo nel secolo in corso.
    Riflettere sul tabacco provoca vertigini e nausea. Ogni anno, si produce una quantita' di sigarette che potrebbero riempire 24 piramidi di Cheope. La loro combustione depositera' qualcosa come 60.000 tonnellate di catrame dentro i polmoni umani. Ci si puo' porre la domanda perche' l'uomo abbia inventato i piu' inutili pericoli contro se stesso, ma cio' non porta a niente. “Il fumo -riassume Robert Proctor- e' l'invenzione piu' mortale della storia dell'umanita'”.

    Ci sono anche altre cifre e altri calcoli. “Ad ogni milione di sigarette fumate nel corso di un anno, corrisponde un morto prematuro nei venticinque anni a seguire. E' una legge valida grossomodo ovunque”, dice Robert Proctor. Questa macabra regola ha applicazioni inaspettate. Come quella di sapere quanti morti sono stati causati dalle menzogne degli alti quadri dei “Big Tobacco”.

    MANTENERE VIVA LA CONTROVERSIA

    Il 14 dicembre 1953, i grandi “patron” del tabacco si ritrovano con discrezione all'Hotel Plaza di New York. Qualche mese prima, alcuni esperimenti fatti su topi hanno mostrato come il prodotto che loro vendono e' cancerogeno -cio' che i medici tedeschi sapevano gia' dagli anni '20- e alcuni giornali cominciano ad evocare questa possibilita'. Al termine della riunione con il “patron” di Hill & Knowlton, consigliere in materia di relazioni pubbliche, i giganti del tabacco si lanciano in una battaglia di propaganda e strumentalizzazione del dubbio scientifico che spostera' in la' nel tempo la consapevolezza dei danni del fumo. Occorre “mantenere viva la controversia”. Un dirigente della Brown & Williamson lo scrive in una celebre memoria, rinvenuta nei “tobacco documents”: “Il dubbio e' cio' che noi produciamo”. Con successo. Ma solo nel 1964 le autorita' sanitarie americane cominciano a far sapere chiaramente che c'e' un legame tra tabacco e cancro al polmone.
    Dieci anni dopo. “Se spostiamo le curve del consumo di tabacco, cioe' se si colloca nel 1954 cio' che era stato evidenziato a partire dal 1964, si evidenzia che 8.000 miliardi di sigarette in eccesso sono state consumate negli Usa. Queste non sarebbero state fumate se il pubblico lo avesse saputo dieci anni prima, dice Robert Proctor. Questo significa otto milioni di morti nel decennio successivo”. Le menzogne di una mezza dozzina di industriali hanno provocato la morte di diversi milioni di persone? Un fiction che mettesse in scena una cospirazione di siffatta ampiezza, sarebbe additata come irrealista o anacronistica assurdita'.
    Il tutto non comincia nel dicembre del 1953. Altre vicende sono precedenti. Il Piano Marshall, per esempio. Il grande piano di aiuto alla ricostruzione dell'Europa devastata dalla seconda guerra mondiale e' ugualmente “stato utilizzato perche' le sigarette americane rendessero le popolazioni europee piu' vicine al tabacco biondo “flue-cured”, facilmente inalabile”. E' tutto qui. La “flue-curing” e' una tecnica per rendere secche le foglie di tabacco, che si espande notevolmente in Usa alla fine del XIX secolo, e che consente di rendere il fumo meno irritante, per cui piu' profondamente inalabile. Nella prima meta' del XX secolo si fuma ancora, in una buon parte dell'Europa continentale, il tabacco scuro, molto acre, molto meno pericoloso e additivo. Ma perche' la dipendenza che si sviluppa sia piu' forte, occorre che il fumo possa penetrare profondamente nei polmoni con la nicotina che vi arrivi piu' rapidamente. E i danni al tessuto polmonare sono piu' determinati. “Nel corso della riunione di Parigi (il 12 luglio 1947) che ha attivato il piano Marshall, non c'era nessuna richiesta specifica degli europei sul tabacco, dice Robert Proctor. La questione fu proposta e messa in opera grazie ad un senatore della Virginia. Nel complesso, per due dollari di cibo, un dollaro di tabacco e' stato instradato in Europa”.

    RENDERE I FUMATORI IL PIU' POSSIBILE VICINI

    Il successo del fumo riposa sempre, oggi, nel talento dei chimici delle “Big Tobacco” per rendere il fumo piu' dolce, piu' volatile, piu' penetrante. I fumatori, che conoscono questa sensazione di piccante freschezza nei polmoni, ritengono che fumare sia naturale e normale. “Inghiottire” il fumo, si dice. Ma e' invece il risultato di una chimica tagliente e complicata. Diverse centinaia di componenti -acceleratori di combustione, ammoniaca, additivi diversi, zuccheri, etc.- sono aggiunti al tabacco. Essi rendono il fumo meno irritante, piu' inalabile. “Si puo' dire che il fumo e' in assoluto un prodotto difettoso, nel senso che e' piu' nocivo di cio' che potrebbe normalmente essere... esso e' modificato per rendere i fumatori il piu' possibile vicini a cio' che lo rende pericoloso”, dice Robert Proctor..
    Ma cio' che si trova nelle sigarette non e' stato aggiunto dai chimici dell'industria, ma dai capricci della natura. Cosi' e' per il polonium 210. Per motivi ancora non chiariti, la foglia di tabacco ha una detestabile proprieta': essa fissa e concentra questo elemento radioattivo, presente in modo naturale nell'ambiente, a dei livelli minimi. I “tobacco documents” mostrano che negli anni '50 l'industria ha scoperto questa verita' scomoda. Industria che non divulghera' nulla in merito. Le prime pubblicazioni indipendenti in materia vedranno la luce solo a meta' degli anni '60...
    “Golden Holocaust” racconta come i dirigenti dell'industria hanno reagito a questo “piccolo problema” di qualita' del prodotto finito. Sono i dettagli prodigati dai “tobacco documents” che ci introducono in un universo sconcertante. Nei primi tempi i produttori di sigarette non valutavano l'importanza di questo elemento radioattivo ed hanno cercato di mantenere il segreto. Poiche' il renderlo noto avrebbe potuto “svegliare un gigante che dorme” (“walking a sleeping giant”, nel testo originario), scrive un dirigente della Philip Morris al suo “patron” nel 1978, aggiungendo: “L'argomento farebbe molto rumore e credo sia meglio non fornire i dettagli”.
    Diverse soluzioni vengono scoperte. Cambiare fertilizzanti? Trattare le foglie di tabacco con l'aiuto di un bagno acido? Selezionare le foglie che contengono meno polonium? Nessuna di queste soluzioni, sembra, e' stata ritenuta valida. Perche' risolvere questo problema non dava “vantaggi commerciali”, secondo l'espressione di un alto dirigente della RJ Reynolds, rintracciata nei “documents”. Il passaggio delle foglie di tabacco da un bagno acido, per esempio, avrebbe comportato una “gestione specifica” dei rifiuti radioattivi. E questo costa denaro.

    UNA FORMA DI SCHIAVITU'

    Il timore degli industriali era che questo trattamento avrebbe potuto compromettere le proprieta' chimiche della nicotina, rendendo meno efficace quella dipendenza necessaria ar far diventare piu' prezioso il loro capitale. Non solo, ma e' meglio non rendere di dominio pubblico questo problema, anche se si trattasse di un annuncio relativo alla sua soluzione. Negli anni '80 Philip Morris chiude un proprio laboratorio specifico. Soprattutto per non svegliare il “gigante che dorme”.
    Trenta anni dopo dorme ancora un sonno profondo. Quanti fumatori sanno sanno di avere nel pacchetto di 20 sigarette del polonium 210? Quanti di loro sanno che un pacchetto e mezzo al giorno equivale -secondo una valutazione pubblicata nel 1982 nel “New England Journal of Medicine”, ad una esposizione annuale ad una dose di raggi equivalenti a 300 radiografie del torace? Quanti sanno che il polonium 210 e' responsabile di una parte non marginale dei cancri contratti dai fumatori? Per quanto si sa, c'e' qualcosa di tristemente impressionante nel vedere alcuni attivisti antinucleari che fumano una sigaretta quando sono in attesa, per intercettarli, dei convogli di ossido di uranio dell'industria nucleare: essi stessi si introducono nell'organismo un radioelemento che si espandera' nel proprio interno...
    Il successo di una iniziativa di propaganda si valuta con questo tipo di paradosso. Ce ne sono anche altri. Per esempio, il piacere procurato dal fumo. “E' una pura invenzione dell'industria, dice Proctor. C'e' una differenza fondamentale con altre droghe tipo l'alcool e la cannabis. Il fumo non e' una droga ricreativa. Esso non procura nessuna ebbrezza”. Il fumo non fa che alleviare chi e' avvezzo al tabacco, esso e' funzionale. “E' scritto in tutte le carte di “documents”: fumare non e' come “bere alcool”, ma e' come “essere alcolico”, dice Proctor. Tra coloro che amano la birra o il vino, solo il 3% e' dipendente dall'alcool. Mentre tra l'80 e il 90% dei fumatori e' dipendente. E' una forma di schiavitu'”.

    PROPAGANDA

    L'American Civil Liberties Union (ACLU) ha fatto una campagna agli inizi degli anni '90 per la liberta' di fumare sul luogo di lavoro. Ma e' anche vero che la prestigiosa ACLU ha avuto qualche centinaia di migliaia di dollari dall'industria del tabacco... “Come si puo' parlare di liberta' quando il 90% dei fumatori interpellati dice che hanno intenzione di smettere e far prevenzione?” Il gergo di Orwel non e' distante. “La guerra e' la pace”, “l'amore e' l'odio”, diceva il Partito onnipotente del film “1984”. Nel mondo del tabacco “la schiavitu' e' la liberta'”.
    Quel messaggio e' stato veramente efficace. Gli adolescenti valutano spesso l'uso delle sigarette come manifestazione di uno spirito ribelle. Convincersi di sottomettere le proprie funzioni biologiche a dei grandi gruppi industriali e' come ribellarsi: ecco un vero risultato di marketing, cosi' come e' scritto in tutte le carte dei “tobacco documents”. Bisogna vendere ai giovani l'idea che fumare significhi una “ribellione accettabile”.
    Creare dei riflessi mentali nella popolazione -che non resiste all'analisi critica ne' al semplice buon senso- e' la parte piu' affascinante di questa storia. E' il risultato di grossi investimenti. Dopo alcuni decenni, la comparsa delle marche di sigarette nel cinema hollywoodiano e' calcolata a colpi di milioni di dollari. Altri milioni sono investiti nell'industria per la ricerca biomedica accademica: non per trovare rimedi alle malattie del tabacco, ma, spesso, per documentare le predisposizioni genetiche a delle malattie, attribuibili o meno al fumo. “Somme colossali sono state immesse per il tabacco nella genetica funzionale, a detrimento dei lavori sui fattori di rischio ambientali, tra cui il tabacco -dice Proctor. Una situazione che contribuisce a sviluppare l'idea che le malattie sono programmate e noi non possiamo fare nulla contro di esse”.
    Infiltrazione della cultura, infiltrazione della scienza. E' rimasto Robert Proctor a decodificarla con la sua scienza: “Io ho anche cercato i topi nella mia casa pulita”, dice. Una cinquantina di storici -la maggior parte finanziati o segretamente pagati dall'industria del tabacco- si e' pronunciata a favore degli industriali. Nei “tobacco documents” gli industriali parlano di sviluppare un team di scienziati. Solo due storici americani -tra cui l'autore di “Golden Holocaust”- hanno portato argomenti a favore dei malati.
    La storia e' un gioco importante, anche cruciale. “Affrontare la storia in un certo modo -conclude il professore di Stanford- come, per esempio, in questo studio che presenta 'le origini della controversia del tabacco nell'Inghilterra del XVII secolo', permettere di normalizzare un fenomeno che, affrontato in modo diverso, sarebbe semplicemente intollerabile”. Bisogna iscrivere il fumo come una variabile banale della lunga storia per nascondere il carattere inedito della dipendenza di massa che si e' sviluppata dopo la meta' del secolo scorso.
    Usare storia e scienze sociali per fabbricare il consenso. Philp Morris ha formalizzato questo progetto nel 1987 sotto il nome di “”Project Cosmic”, un piano destinato a “creare una rete estesa di scienziati e storici in tutto il mondo”, cosi' come ci dicono sempre i “tobacco documents”. “Si trattava di reclutare degli scienziati i cui lavori o le loro idee avrebbero potuto contribuire a forgiare una 'narrazione storica' favorevole agli industriali”, dice Proctor.
    Una tecnica, come tante altre. Negli anni '90, lo storico lavorava su un soggetto originale e poco decifrato: le politiche di pubblica sanita' nella Germania nazista e la guerra che Hitler aveva dichiarato al fumo. Uno dei suoi articoli fu pubblicato nel 1997 dal 'Bulletin of the History of Medicine'. Ma qualche anno dopo la rivista rifiuto' un altro dei suoi articoli -questa volta sull'industria americana del tabacco. Quando uno studio individua un rapporto tra controllo del tabacco e totalitarismo, esso e' accettato; ma quando chiama in causa gli industriali, esso e' respinto. "Per comprendere -dice Proctor- e' sufficiente guarda la composizione del comitato editoriale della rivista e i legami finanziari di alcuni dei suoi appartenenti con l'industria del tabacco”. I cani da guardia del “Project Cosmic” sorvegliano la porta della rivista scientifica.

    (articolo di Paul Yeung, per l'agenzia stampa Reuters del 25/02/2012)

    http://droghe.aduc.it/articolo/cospi...acco_20040.php


    @drlecter44

  6. #16
    Old Sage Member L'avatar di drlecter
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    6,926
    Potere Reputazione
    27

    Predefinito

    L'Unione Europea rilancia la guerra al tabacco

    15/03/2012

    Mentre negli Stati Uniti l’opinione pubblica dibatte sulla controversa sentenza del giudice Richard Leon che ha bloccato di fatto il programma del Governo Federale contro il fumo (progetto che imponeva ai produttori di destinare metà dello spazio sui pacchetti di sigarette a forti immagini e didascalie d’impatto), la Commissione Europea rilancia il suo grande impegno a contrasto del tabagismo con la Direttiva 2012/9/UE. Un documento che disciplina e riorganizza quegli elementi già sanciti nel 2003 dove si limitava l’azione dei produttori di tabacco circa la promozione e la vendita dei loro articoli. Con questa nuova iniziativa, Bruxelles ribadisce la ferma volontà di tutelare la salute della popolazione dai gravissimi danni provocati dal fumo sia attivo che passivo. Dunque, nelle prossime settimane in tutto il vecchio continente inizieranno ad essere impressi su tutte le confezioni di tabacco, sui pacchetti di sigari e di sigarette, 14 nuove avvertenze (come ad esempio: Il fumo causa il 90 % dei casi di cancro ai polmoni; Il fumo causa il cancro alla bocca e alla gola; Il fumo danneggia i tuoi polmoni; Il fumo causa attacchi cardiaci; Il fumo causa ictus e disabilità; ecc.) corredate da foto estremamente evocative del fenomeno. Come ha dichiarato il Commissario Europeo alla Salute, John Dalli, questa decisione è stata presa sia per rendere il tabacco meno attrattivo in particolare verso i ragazzi, sia per informare i fumatori sulle eventuali conseguenze a danno di organi e sistemi. Il provvedimento è figlio anche dei risultati favorevoli di un recente sondaggio condotto da 'Eurobarometro' su 270 fumatori ed ex fumatori nei 27 Stati europei.

    DIRETTIVA_COMMISSIONE_7_marzo_2012.pdf 709,95 KB

    http://www.droganews.it/news/1278/L_...l_tabacco.html


    @drlecter44

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •