12-12-2008, ore 14:15:45

Australia. Studio: pubblicita' contro la droga e' controproducente

Le pubblicita' progresso a forte impatto visivo che mostrano estreme conseguenze dell'abuso di droga, invece di allontanare i ragazzi dal consumo possono ottenere l'effetto opposto, abbassando la percezione dei rischi collegati all'assunzione, o addirittura incoraggiandone l'uso.
Lo rivela uno studio pubblicato nella rivista Prevention Science, condotto da ricercatori della University of Western Australia su migliaia di teenager esposti ad una campagna condotta lo scorso anno, che mostrava i consumatori abituali di ice (droga sintetica) in reazioni estreme, mentre minacciano di uccidere i propri genitori, si prostituiscono o vengono violentati.
Tra gli adolescenti esposti alla campagna la percentuale di chi diceva di non credere che la droga stessa sia pericolosa e' tre volte maggiore dei loro coetanei. Percentuale che si quadruplica quando si tratta di approvare il consumo regolare.
'Le pubblicita' mostrano reazioni estreme al consumo di droga, con cui i ragazzi non si identificano, perche' le vedono troppo lontane dalla semplice sensazione di euforia associata alle prime volte', scrive David Erceg-Hurn, che ha guidato la ricerca. 'I teenager rifiutano il messaggio, che puo' diventare controproducente', aggiunge.

Leggi anche:
Ue. Giovanardi/Serpelloni: "Tutti insieme diciamo no alla droga"
Mondo. Le campagne antifumo invogliano a fumare
Usa. Studio: la campagna di informazione contro le droghe non ha funzionato
Usa. Ricerca: campagne antidroga fanno aumentare il consumo
Canada. Ministero pensa a spot anti-cannabis. Gli esperti: attenzione all'effetto boomerang
Usa. Un "boomerang" gli spot antidroga